#2023

31/05/2023

La selezione di quest’anno dimostra la vastità del genere documentario, il valore della sua storia passata, le possibilità di quella presente, e riunisce opere apparentemente lontane. Quello del documentarista è un mestiere (d’arte) pericoloso, una narrazione partecipata piena d’insidie: lo scopriremo con Schroeder, intrepido testimone della dittatura in Uganda; con Roemer e il suo ritratto della violenza mafiosa; con Labudović, inviato da Tito a fomentare – con il cinema – la lotta anticoloniale in Algeria. Il documentario è ancorato al reale: ci parla della più grande rivoluzione sociale dell’ultimo secolo, quella femminile, attraverso i ritratti luminosi di tre artiste (della direttrice d’orchestra Antonia Brico e di due pioniere del cinema, Dorothy Arzner e Agnès Varda) e dell’inarrestabile conquista di visibilità dell’omosessualità. Il documentario è uno strumento di autoanalisi, con cui il cinema racconta se stesso, il proprio linguaggio: andremo alle origini del “cinema verità” a partire dagli archivi di Robert Flaherty, ripercorreremo il periodo messicano di Ėjzenštejn, ritroveremo le leggendarie lezioni canadesi di Godard. Il cinema parla di cinema, il cinema parla di noi. A cura di Gian Luca Farinelli

Leggi tutto
31/05/2023

Nel 2024 la casa di produzione Praesens-Films compirà cento anni. Caso unico nella storia del cinema svizzero, la società è attiva ancora oggi nella distribuzione. Ha prodotto la maggior parte dei più grandi successi del cinema nazionale, con film molto popolari come Heidi di Luigi Comencini, e ha conquistato Hollywood vincendo ben tre Oscar, compreso quello per la sceneggiatura di Marie-Louise, scritto da Richard Schweizer e diretto da Leopold Lindtberg, sui bambini francesi accolti in Svizzera durante la guerra. Sempre Lindtberg, nato nel 1902 a Vienna ed emigrato a Zurigo nel 1933, dove inizia a lavorare nel teatro, firma da regista alcuni dei titoli più importanti prodotti dalla Praesens, tra cui il famoso Die Letzte Chance (The Last Chance, 1945), premiato a Cannes e ai Golden Globe, che evoca con forza il destino dei rifugiati ebrei durante la Seconda guerra mondiale, e Die Vier im Jeep (1951), vincitore dell’Orso d’Oro a Berlino, che ricostruisce l’occupazione alleata di Vienna.  A cura di Frédéric Maire, Cinémathèque suisse

Leggi tutto
31/05/2023

Tornato all’inverno londinese dopo l’apprendistato con Rex Ingram nel Sud della Francia, tra il 1930 e il 1939 – anno in cui Alexander Korda lo mise a lavorare con Emeric Pressburger per La spia in nero – Michael Powell partecipò al rinascimento della produzione inglese. Spesso liquidati come ‘quota quickies’, lavori di bassa qualità realizzati in economia e con il solo obiettivo di sfruttare il momento legislativo favorevole, questi film furono una scuola inestimabile per la nuova generazione di registi che sarebbe sbocciata negli anni Quaranta. Powell era solito dire scherzosamente che la sua reputazione non sarebbe sopravvissuta alla ricomparsa di alcuni dei suoi primi venti film. Oggi che l’onore del regista è salvo, quei film rivelano le origini del suo umorismo irriverente, della sua sensibilità ai temi d’attualità e della sua crescente abilità nella direzione degli attori. A cura di James Bell in collaborazione con Thelma Schoonmaker e Ian Christie

Leggi tutto
31/05/2023

Cosa significa rivedere le opere dei grandi maestri nel loro splendore originario? Significa rinnovare l’amore per il cinema, leggere tra le righe la passione dell’autore, amplificare il proprio piacere di spettatore nel buio della sala. Senza interferenze. Partiamo con una buona notizia: non si restauravano così tanti film da prima della pandemia! La selezione di quest’anno dei Ritrovati e Restaurati è una vera e propria miniera di tesori, un festival nel festival: quasi novanta film, più di cento anni tra il più recente, Inland Empire, e il più antico, L’Enfant des mariniers. Renoir, Antonioni, Bergman, Bertolucci, Truffaut, Akerman, Wenders, Hitchcock, Hawks, Ozu, Lubitsch, Dulac, Bava, Lynch. Ritroveremo i capolavori di tanti celebri autori e conosceremo cineasti meno celebrati ma ugualmente eccezionali, come Roemer, Manthoulis, Korda e Arnold. Ripercorreremo un secolo di visioni cinematografiche tra rarità e film di culto proposti al massimo del loro splendore, attraverseremo i generi, tra nascite e ibridazioni, scopriremo varietà di sguardi e temi, alcuni dei quali sorprendentemente attuali. A cura di Gian Luca Farinelli

Leggi tutto
31/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
29/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
28/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
27/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
27/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
27/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
27/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
27/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
27/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
27/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
26/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
25/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
25/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
25/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
25/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
25/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
25/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
25/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
25/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
25/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
25/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
25/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
25/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
25/05/2023

La sezione Il Cinema Ritrovato Kids – curata dal Dipartimento educativo della Cineteca di Bologna Schermi e Lavagne – propone agli spettatori più piccoli un viaggio nel tempo e nello spazio: un programma di otto giorni con una trentina di film, accompagnati da laboratori creativi, spettacoli, concerti. Tra i temi di questa edizione troviamo le fiabe del mondo, la scuola polacca di cinema d’animazione, un programma assieme al festival di La Rochelle; alcuni classici come Crin blanc di Albert Lamorisse e Heidi di Luigi Comencini e la rassegna “Cinemini”, presentata dal DFF – Deutsches Filminstitut & Filmmuseum di Francoforte. Accanto alle proiezioni per i più piccoli, Schermi e Lavagne propone attività dedicate ai giovani cinefili. Gli allievi del Conservatorio di Rovigo hanno composto le colonne sonore di una selezione di film italiani degli anni Dieci, sotto la guida di Daniele Furlati. Il gruppo del Cinema Ritrovato Young presenterà alcuni titoli e realizzerà pillole video, interviste agli ospiti e al pubblico e recensioni. Schermi e Lavagne organizzerà, insieme a European Children’s Film Association, la prima edizione dell’ECFA Workshop Warehouse, un’iniziativa che porterà una cinquantina di operatori specializzati in educazione all’immagine e rappresentanti di festival europei, per seguire una serie di laboratori innovativi.

Leggi tutto
22/05/2023

Talvolta il destino agisce in maniera imperscrutabile e ritrovamenti casuali in luoghi diversi possono finire per far luce su un medesimo aspetto, quasi vi fosse una regia superiore. Tra il 2022 e il 2023, la Cineteca di Bologna, la Cinémathèque française e il Gosfil’mofond di Russia, ciascuno per conto proprio, hanno fatto diverse riscoperte sorprendenti e hanno effettuato alcuni restauri di film con Diana Karenne, Ileana Leonidoff, Helena Makowska, tra le principali attrici russe attive nel cinema muto italiano. Fino a oggi, il tempo ha crudelmente negato ogni possibilità di apprezzarne il talento e la bellezza di molte di queste grandi interpreti, perché quasi nulla sembrava sopravvivere. Il programma include tre film con Diana Karenne appena riscoperti (tra cui The Two Sisters’ Tragedy, un breve melodramma del 1914 da lei scritto), il nuovissimo restauro di Thaïs di Anton Giulio Bragaglia, due film con Berta Nelson (grazie all’EYE Filmmuseum) e La tartaruga con Helena Makowska, riscoperto e conservato dalla Cineteca di Bologna. A cura di Mariann Lewinsky e Tamara Shvediuk

Leggi tutto
22/05/2023

Forse la più grande, sicuramente la più ammirata e imitata. Anna Magnani era unica, ma è stata anche un modello di stile recitativo e un’icona italiana. Riuscì a imporre il proprio volto dapprima come attrice brillante e, dopo il trionfo di Roma città aperta, variò dalle mille incarnazioni di un personaggio popolare romano a ruoli diversissimi come quelli nella Carrozza d’oro o nel monologo della Voce umana, fino a Hollywood e al premio Oscar, in un momento in cui il cinema americano diventava sempre più adulto. Un’immagine, la sua, in fondo eccentrica nel glamour anni Cinquanta. Ma se il suo momento d’oro dura poco più di dieci anni, e se un’attrice come lei è oggi inimmaginabile, l’eredità di Anna Magnani, il suo modello, continua a ispirare, irraggiungibile, le attrici italiane e di tutto il mondo. A cura di Emiliano Morreale

Leggi tutto
22/05/2023

Celebre per la capacità di tradurre la propria visione in luce, movimento e poi colore, Rouben Mamoulian, armeno di Tbilisi naturalizzato statunitense, ebbe una produzione tra le più coerenti del cinema americano. Giustamente celebrato per l’inestimabile contributo che offrì alla transizione di Hollywood al sonoro sia liberando la macchina da presa, sia usando i dialoghi come una forma di accompagnamento musicale, fu imitato e invidiato per i suoi sapienti movimenti di macchina. Creatore di uno stile immediatamente riconoscibile per la sua raffinatezza, il suo umorismo e le sue sfumature erotiche, praticò con altrettanta efficacia generi più cupi, assumendo un ruolo da pioniere per il film di gangster e l’horror. Questa retrospettiva presenta l’opera di Mamoulian dal suo unico contributo al cinema muto agli inizi del sonoro fino al suo ultimo musical, a colori e in CinemaScope. Ad eccezione del nuovo restauro digitale di Dr. Jekyll and Mr. Hyde, tutto il resto sarà proiettato in 35mm. A cura di Ehsan Khoshbakht

Leggi tutto
22/05/2023

Nel corso di una carriera iniziata ai tempi della nascita del neorealismo e durata oltre sessant’anni, Suso Cecchi d’Amico ha collaborato a più di centoventi film (prevalentemente, ma non esclusivamente, italiani) diretti da esordienti o da registi affermati. Il suo scopo non è mai stato quello d’imporre le proprie idee, bensì di capire e assecondare i progetti e le poetiche degli autori con cui ha lavorato. D’altro canto, come ogni artista, aveva evidentemente una voce e una personalità sue proprie. Proporsi di rintracciarle all’interno di film assai diversi per tono, genere e linguaggio è lo scopo di questa rassegna, certo parziale ma sicuramente affascinante, che presenta una selezione di opere significative scelte in una filmografia ricca ed eterogenea quale pochi altri scrittori di cinema possono vantare. A cura di Masolino, Silvia e Caterina d’Amico

Leggi tutto
22/05/2023

Giunta al suo ventesimo anniversario, la sezione Cento anni fa continua a esplorare un singolo anno della ricca e varia storia del cinema offrendo una selezione di classici intramontabili, rarità d’archivio e stimolanti documentari del 1923. Quest’anno ci concentriamo sugli emigré russi che lavoravano nella casa di produzione francese Albatros, sulla nascita del western come genere serio a Hollywood, sull’apoteosi del cinema espressionista tedesco e sugli ultimi bagliori del ‘diva film’ italiano. Dai cinegiornali dell’epoca, la memoria di eventi di grande importanza come il  terremoto del Kanto che devastò Tokyo e la scoperta della tomba di Tutankhamon. La maggior parte dei film in programma sarà proiettata in 35mm, ma presenteremo anche alcuni nuovi restauri digitali.  A cura di Oliver Hanley

Leggi tutto
22/05/2023

L’illustre regista giapponese Teinosuke Kinugasa (1896-1982) si trova in un rapporto paradossale con la cinefilia internazionale. Se Jujiro – Incroci (1928) e La porta dell’inferno (1953) fecero una precoce apparizione in Europa e Una pagina di follia (1926) è considerato un classico dell’avanguardia, l’opera di Kinugasa nel suo complesso è ancora poco conosciuta all’estero. Questa retrospettiva presenterà una selezione ricca e diversificata di opere, spaziando da pregevoli adattamenti letterari a film sulle arti sceniche fino a inconsuete pellicole in costume che sacrificano in larga misura l’azione violenta a favore di una sofisticata analisi storica e di un intenso dramma personale. Attingendo a recenti restauri e a copie d’epoca, il programma metterà in luce le notevoli qualità di Kinugasa quale regista di attori e la varietà stilistica della sua arte, che passa agilmente dall’espressionismo monocromatico a un impiego pittorico del colore. È giunto il momento che questa significativa produzione emerga dall’ombra.  A cura di Alexander Jacoby e Johan Nordstrom. Co-organizzatore: National Film Archive of Japan

Leggi tutto
22/05/2023

Nel 1903 Méliès si trovava all’apice della sua arte grazie a splendide opere come Le Royaume des fées, film destinato a costituire il pezzo forte di un programma composto da una varietà di generi, in cui era sempre presente un buon numero di comiche e di trucchi visivi. Mentre i registi britannici portavano nel cinema il loro spirito innovativo, negli Stati Uniti – si veda The Great Train Robbery di Edwin S. Porter – facevano  la loro comparsa film improntati alla violenza e a trame d’azione. Nello stesso anno, Pathé frères rivaleggiava ambiziosamente con le superbe féeries introducendo le spettacolari produzioni di Lucien Nonguet dedicate a personaggi storici (Napoleone, Maria Antonietta). Diversi titoli Pathé – appartenenti alla collezione dei Corrick, una famiglia di intrattenitori ambulanti – saranno presentati in versioni restaurate a partire da copie australiane magnificamente colorate a mano. Ma il cinema non consisteva solo di queste produzioni internazionali: operatori locali hanno documentato il loro 1903 con singolari immagini in movimento. Preparatevi a restare incantati di fronte al talento di Herr Mohr, bancario di Kronberg, che si esibisce in un ballo en travesti! A cura di Mariann Lewinsky e Karl Wratschko

Leggi tutto
22/05/2023

Dopo aver sbirciato, nel corso delle precedenti edizioni, nell’opera nota di Albert Samama Chikli, siamo pronti a condividere alcune (spettacolari) scoperte che riemergono dagli archivi di questa straordinaria personalità, ora affidati dalla sua famiglia alla Cineteca di Bologna. Lo studio di lettere, fatture, appunti autografi e fotografie ha rivelato i dettagli di una carriera dietro la macchina da presa che va dal 1905 al 1924 e ha consentito di stabilire, per la prima volta, una filmografia di oltre cento titoli. Albert Samama non può più essere considerato una nota marginale nella storia del cinema, una presenza effimera ed esotica: è stato un pioniere, una figura di spicco degli albori del cinema e il primo cineasta del continente africano. Il Cinema Ritrovato si appresta a rivelare la portata e le articolazioni della sua eredità. Iniziamo con una prima selezione di restauri di film dal vero e cinegiornali a partire dai negativi conservati negli Archivi Gaumont Pathé e di un ritrovamento spettacolare da La Cinémathèque française.   A cura di Mariann Lewinsky e Cecilia Cenciarelli

Leggi tutto
22/05/2023

Uno degli appuntamenti fissi del festival, Cinemalibero percorrerà le strade più impervie della storia del cinema per illuminare l’opera unica ed eloquente di autori anticonformisti e liberi cui è stato ingiustamente negato un posto tra i grandi del cinema. Riscopriremo alcuni capolavori che, celebrati in patria, non hanno goduto del giusto riconoscimento a causa dell’assenza di una distribuzione adeguata all’estero. Cinemalibero racconta la storia di film ignorati o censurati, messi al bando dalle forze conservatrici della loro epoca e oggi riportati in vita grazie a complessi progetti di ricerca e restauro. I nove programmi di quest’anno si rivolgono a tre aree geografiche e cinematografiche –Asia centrale, cinema panarabo post-1967 in Libano e Siria e Africa occidentale – per ciascuna delle quali proporremo diversi restauri in anteprima mondiale, tra cui, rispettivamente: The Fall of Otrar (Gibel’ Otrara, Ardak Amirkulov, Kazakistan, 1991); The Dupes [Gli ingannati] (Al-Makhdo’un, Tewfik Saleh, Siria 1972); Ceddo (Ousmane Sembène, Senegal, 1977), parte di un omaggio dedicato al maestro africano nel centenario della nascita. A cura di Cecilia Cenciarelli

Leggi tutto
22/05/2023

Dopo aver celebrato l’anno scorso i cent’anni del formato 9,5mm, continuiamo con un altro anniversario. Un secolo fa Eastman Kodak introdusse il formato 16mm come alternativa meno costosa alla pellicola 35mm. Gli ambiti in cui il 16mm era ed è usato erano e sono molto vari. Abbiamo così deciso di unire le forze con l’associazione  indipendente Cinémathèque16 di Parigi per presentare  una selezione dalla loro eclettica collezione di copie d’epoca che abbraccia molti aspetti di questo formato (muti colorati, primi film pubblicitari, Scopitones, versioni home movie di celebri film horror, trailer di muti perduti e rarità  del cinema di finzione e non). Il secondo capitolo dell’edizione di quest’anno è dedicato al cinema sperimentale del Québec e di tutto il Canada. La selezione offre tra l’altro l’occasione di (ri)scoprire le opere sperimentali di autentici  artisti come Joyce Wieland ed Étienne O’Leary, ciascuno dei quali è rappresentato con una personale. A cura di Karl Wratschko con la collaborazione di Cinémathèque16, Cinémathèque québéquoise e André Habib

Leggi tutto
22/05/2023

Nata nel 1940 in Austria e attiva a Berlino a partire dagli anni Sessanta, Elfi Mikesch è tra i direttori della fotografia più importanti del cinema tedesco. Proveniente dal mondo della fotografia, si è avvicinata al cinema nei primi anni Settanta. Oltre a girare i propri film ha lavorato come direttrice della fotografia a più di cinquanta opere di altri registi, tra cui Werner Schroeter, Rosa von Praunheim, Monika Treut, Friederike Pezold, Heinz Emigholz, Cynthia Beatt e Teresa Villaverde. È stata insignita tre volte del Deutscher Kamerapreis, compreso il premio alla carriera nel 2006. Nei suoi oltre venti film, dei quali è spesso anche sceneggiatrice e produttrice, si muove liberamente tra vari generi. Molti sono documentari, ma grazie alla loro libertà formale tendono a sconfinare nella sperimentazione poetica e si distinguono in particolare per la raffinatezza dell’illuminazione e dei movimenti di macchina. Questo programma presenta cinque film degli anni Ottanta che esemplificano la sua cinematografia eclettica. Per anni questi film sono stati inaccessibili, se non in malridotte copie 16mm, prima che la Deutsche Kinemathek ne intraprendesse il restauro. A cura di Martin Koerber

Leggi tutto
22/05/2023

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
19/05/2023

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
19/05/2023

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
19/05/2023

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
19/05/2023

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
19/05/2023

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
19/05/2023

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
19/05/2023

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
19/05/2023

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
31/03/2023

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
16/01/2023

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
03/06/2022

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
03/06/2022

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
03/06/2022

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
27/05/2022

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
04/06/2021

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
04/06/2021

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
16/04/2021

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
24/07/2020

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
17/07/2020

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
17/07/2020

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
17/07/2020

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
09/07/2020

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
06/11/2019

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
11/06/2019

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
07/06/2019

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
31/05/2019

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
31/05/2019

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
31/05/2019

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
22/05/2019

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
22/05/2019

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
22/05/2019

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
22/05/2019

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
22/05/2019

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
21/05/2019

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
20/06/2018

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
20/06/2018

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
01/06/2017

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
01/06/2017

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
17/05/2017

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
19/01/2017

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
12/01/2017

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
23/12/2016

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
21/12/2016

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
20/12/2016

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
07/11/2016

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
03/11/2016

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
02/11/2016

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
31/10/2016

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
31/10/2016

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
28/10/2016

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
20/09/2016

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
15/09/2016

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
10/06/2016

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
10/06/2016

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
10/06/2016

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
08/06/2016

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
23/06/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
22/06/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
04/06/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
04/06/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
04/06/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
04/06/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
04/06/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
04/06/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
04/06/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
04/06/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
04/06/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
04/06/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
04/06/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
04/06/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
04/06/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
04/06/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
04/06/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
04/06/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
04/06/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
04/06/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
04/06/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
28/05/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
28/05/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
28/05/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
28/05/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
28/05/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
28/05/2015

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
25/06/2021

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
25/06/2021

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
24/06/2021

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
25/07/2020

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
27/01/2020

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
16/06/2018

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
13/06/2018

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
10/06/2018

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
08/06/2018

L’anno scorso abbiamo dedicato una sezione alle commedie musicali tedesche del periodo 1930-1932. Ora seguiamo i destini esistenziali e creativi di quei talenti negli anni dell’esilio proiettando cinque commedie musicali in lingua tedesca prodotte in Austria e Ungheria. La presa del potere da parte dei nazisti nel gennaio 1933 segnò la fine dell’influenza ebraica sulla cinematografia popolare tedesca. Per molti cineasti ebrei (registi, attori, sceneggiatori e produttori), segnò anche l’inizio della vita e del lavoro in esilio. Negli studi cinematografici di Vienna e Budapest essi mantennero viva la visione di un altro tipo di cinema in lingua tedesca, meno raffinato ma molto più libero, irriverente e avventuroso di quello che dominava gli schermi nazisti. Come le commedie musicali della tarda Repubblica di Weimar, questi film sono pieni di melodie orecchiabili, di storie d’amore spensierate, di maldestri maneggioni e, a tratti, di una malinconia che riflette lo sradicamento e l’incertezza del futuro. A cura di Lukas Foerster

Leggi tutto
Filtra:
Tags
Seleziona
#iorestoinsala00712 dicembre120 anni di Gaumont Seydoux120 Gaumont16mm189618991919193435mm70mmA mosca ciecaÀ propos de NiceA SantanotteAbbas KiarostamiAboubakar SanogoAcademy Film ArchiveAcademy of Motion PicturesAddio giovinezzaAfricaAgnès VardaAhmed El MaanouniAki KaurismäkiAlain BergalaAlain DelonAlan ClarkeAlan J. PakulaAlba RohrwacherAlbert CappellaniAlbert PierruAlbert Samama ChiklyAlberto BurriAlberto SordiAldo BernardiniAldo FabriziAlejandro JodorowskyAlessandro BlasettiAlessandro MarottoAlexander HorwathAlfred HitchcockAlice RohrwacherAlice SchwarzerAlienAlissa SimonAlla scoperta del Cinema Ritrovato 2020Along for the RideAlta FormazioneAltanAlvaro VitaliAmal GuermaziAnders als die AndernAndré LabartheAndrea MeneghelliAndrea PazienzaAndrej TarkovskijAngela AllenanimazioneAnna KarinaAnna MagnaniAnna MasecchiaAnna ZanoliAnnette MichelsonAnnie HallAnselma Dell'OlioAnthony AsquithAntonio PietrangeliAntti AlanenAnxiety - DelhorehApocalypse NowArab-Israeli dialogueArcheoscopioarchiviArena del SoleArena PucciniArrigo FrustaarteArthur Millerarti visiveAscensore per il patiboloAspettando il Cinema RitrovatoAssunta SpinaAudience Development & Innovation LabAuditorium DamsLabAudrey HepburnAugusto Geninaavant-gardeBachelor's AffairsBarcArenaBaris AzmanBattleship PotemkinBBCBeaubourgBecoming Cary GrantBehind the scenesBella di giornoBelle de JourBerlinaleBernard EisenschitzBernard TavernierBernardo BertolucciBertrand TavernierBFIBFI National ArchiveBiblioteca RenzibigliettiBill MorrisonBilly Wilderblaq outBlock-notes di un registaBlood on the MoonBlow-UpBluebird PhotoplayBolognaBologna fotografataBook FairBoy and GirlBreak upBrigitte BardotBrigitte LacombeBruce WeberBuster KeatonC'era una volta il WestCameoCamillaCaravanCarbon Arc ProjectorCarl Laemmle Jr.Carl Laemmle JuniorCarl Theodor DreyerCarlo di CarloCarlo LucarelliCarlotta FilmsCarosellocartellonistiCary GrantCatherine WylerCecilia CenciarelliCecilia ManginicensuraCent'anni di cinemaCento anni faCento anni fa 1916Cento anni fa: 1921Cento anni fa: 1922Centre de documentation et de recherche sur le cinéma chinoisCentre PompidouCentro Sperimentale di CinmatografiaChantal AkermanCharles ChaplinCharles VanelCharlie ChaplinChe fine ha fatto Baby Jane?Cheap FestivalCho Hyun JinChris HegedusChris MarkerChristian WahnschaffeChristopher NolanCielo sulla paludeCiné-ArchivesCineclub a distanzacineconcertoCinEDcinefiliaCinefilia RitrovataCINELICIOUSPICSCinemacinema arabocinema argentinocinema Arlecchinocinema cineseCinema cubanocinema finlandesecinema francesecinema iranianoCinema italianoCinema JollyCinema liberoCinema Lumièrecinema messicanoCinema Modernissimocinema mutoCinema RediscoveredCinema Ritrovato KidsCinema Ritrovato Kids and YoungCinema sovieticocinema tedescocinema ungheresecinemaliberocinemaniaCinemateca Brasileiracinemateca portuguesaCinematekCinémathèque françaiseCinémathèque suisseCinemazerocinetecheCinnotecaCircoCirkelineClark GableClaudia CardinaleCléo dalle 5 alle 7Clint EastwoodColetteCome le foglie al ventoConsigli per giovani cinefiliCovid-19CR KidsCR youngCreative EuropeCriterion Collectioncritica cinematograficaCronaca familiareCronica de HoycrowdfundingCultCultural WeeklyCyfrowe Repozytorium FilmoweD.A. PennebakerdailyDario ArgentoDario FranceschiniDave KehrDavid BordwellDavid LynchDavid MarriottDavid Wark GriffithDawson City – Il tempo tra i ghiacciDawson City: Frozen Timeday by dayDeliveranceDenis HopperDennis DorosDennis HopperdesistfilmDestinazione LunaDeutsche KinemathekDI FactoryDiane ArbusDie Kleine VeronikaDino Risidiritti civiliDirk BogardeDisgelo russoDissonant Scores of Dario ArgentodivedizionarioDocumentaridocumentariodocumentario colonialedocumentaryDocumenti e DocumentariDon SiegelDonald SosinDonald SutherlandDork ZabuyanDossier Jerry EpsteinDouglas SirkDream MakersDVD awardsE’ PiccerellaEasy RiderEbrahim GolestanEdEddie MullerEdgar Rice BorroughsEdgardo CozarinskyEdith ScobEditions CommunesEdmund MeiselEduardo De FilippoEdward SedgwickEffetto notteEhsan KhoshbakhtĖjzenštejnEl MundoElena CampeggiElia KazanElizabeth TaylorElla Bergmann-MichelElmo LincolnElvira NotariEmanuela RossiEmi De SicaEmiliano MorrealeEmilio FernándezEmilio GhioneEnrico CarusoEnrico CerasuoloEraserheadEric Von StroheimErich Von StroheimErnie PyleErnst LubitscherotismoEttore ScolaEuropa CinemasEvgenij BauerEYE FilmmuseumFantozziFascino biondoFederico FelliniFelix E. FeistFerdinand GuillaumeFerdinand ZeccafespacoFestivalFestival di AnnecyFestival di CannesFestival LumièreFIAFFIAF Prizefilm blogFilm educationfilm heritagefilm restorationFilmarchiv AustriafilmmakersFilmoteca de la UNAMFino all'ultimo respiroFlickFloribundafocusFondo CristaldiFondo TaddeiForce of EvilForough FarrokhzadFortunyfotografiaFox FilmFranca FaldiniFranca ValeriFrancesca BertiniFrancesco CasettiFrancesco RosiFrancis Ford CoppolaFranco CristaldiFrançois TruffautFrank BorzageFrankenstein JuniorFratelli DardenneFratelli LumièreFREDFred AstaireFrédéric MaireFrederica BonnaudFrederick WisemanFrenchman's CreekFriedrich Wilhelm MurnauFritz LangFrou FrouFujicolorFulvio LucisanoFun SundayfuoriFuori Cinema | Film in TVGai DimanchegalleryGaumontGelato Ritrovatogemelli WanGene KellyGenocidio armenoGeoff AndrewGeorg Wilhelm PabstGeorge MarshallGeorge StevensGeorges FranjuGeppi CucciariGermaniaGian Luca FarinelliGianni AmelioGiapponeGideon BachmannGigiGina LollobrigidaGiorgio DirittiGiorni d'amoreGiovanna FossatiGiovanni PastroneGiungla d'AsfaltoGiuseppe AmatoGiuseppe MorandiGiuseppe TornatoreGli amici di Eddie CoyleGod Save the GreenGoffredo FofiGoodbye YouthGosfilmofondGreaseGreta GarboGroße Freiheit Nr. 7Grover CripsGrover CrispguerraGuido AristarcoGuido LeviGuillermo del ToroGuy BorléeHana ChirinuHaneyoHarold LloydHarvé PichardHeaven over the MarshesHenri LangloisHenry FondaHenry KingHéritage de la ChouettehighlightsHoliday for HenriettaHollywood Foreign Press AssociationHollywood PartyHomemovieshorrorHugo FregoneseHumprey BogartHusbandsHyun Jin ChoI clownsI compagniI due timidiI fidanzati della morteI forzati della gloriaI pittori di cinemaI pugni in tascaI rapinatoriI topi grigiI viciniIl 7° viaggio di SinbadIl bell'AntonioIl capro espiatorioIl Cinema RitrovatoIl Cinema Ritrovato 2020Il Cinema Ritrovato 2021Il Cinema Ritrovato 2022Il Cinema Ritrovato 2023Il Cinema Ritrovato all'AmbasciatoriIl Cinema Ritrovato Fuori SalaIl Cinema Ritrovato KidsIl Cinema Ritrovato KIds & YoungIl Cinema Ritrovato On TourIl Cinema Ritrovato streamingIl Cinema Ritrovato YoungIl circoIl delitto del signor LangeIl dottor StranamoreIl GelatauroIl grande dittatoreIl grande gauchoIl jazz al cinemaIl laureatoIl meraviglioso paeseIl padrinoil recupero dell’epicail restauroIl ribelle di AlgeriIl secondo tragico FantozziIl Settimo SigilloIl terzo uomoIncontri sul restauroIngmar BergmanIngrid BergmanInizio di primaveraInstagramersInstituto Moreira SallesInternazionale della CinefiliaInterviewIntervistaintervista a Meg MorleyIo e Annieiranian cinemaIrene DunneIsabella RosselliniIsabelle HuppertIsole della lagunaIstituto luceIt Always Rains On SundayIvan MozžuchinIvo BlomJack CardiffJacques BeckerJacques RancièreJacques RivetteJacques RozierJames BondJames MockoskiJames WhaleJames WhiteJane BirkinJane CampionJane FondaJean DouchetJean EpsteinJean GabinJean RenoirJean VigoJean ViviéJean-Luc GodardJean-Michel Frodon‎Jérôme SeydouxJerry LewisJhon BaileyJimi HendrixJoan CrawfordJohn BadhamJohn BaileyJohn BolesJohn BoormanJohn Cassavetesjohn fordJohn HustonJohn LandisJohn M. StahlJohn StahlJohnny GuitarJohnny Guitar e la musicaJohnny WeissmullerJonas CarpignanoJonathan NossiterJonathan RosenbaumJoseph LoseyJosh MorrisonJRJuliette AndriotJung MinhwaKanji MisumiKenji MizoguchiKevin BrownlowKhachikianKid Auto Races at VeniceKien RussellKiju YoshidaKim Ki-youngKim Soo-yongKing of JazzKino Kieta OkotoKomiyaKorean Film Archivekrazy serialKuo Kwan Leungl'ape reginaL'appartamentoL'AtalanteL'Immagine RitrovataL'uomo che verràL'uomo dei cinque palloniL’âge d’orL’assedio dell’AlcazarL’enfant agitéL’uccello dalle piume di cristalloLa Corazzata PotëmkinLa CroixLa dolce vitaLa donna che visse due volteLa febbre del sabato seraLa Fête à HenrietteLa Gerusalemme liberataLa LineaLa macchina dello spazioLa maschera e il voltoLa moglie di ClaudioLa notte dei morti viventiLa nuit américaineLa PimpaLa PiscineLa ragazza in vetrinaLa RepubblicaLa Rochelle CinémaLa saggezza nel sangueLa tragica fine di Caligula ImperatoreLa traversata del terroreLa veritàLadies Must LoveLadri di bicicletteLanterna a carboneLanterna ad arco voltaicoLast WordsLe crime de Monsieur LangeLe Mondele partiture dissonanti di Dario ArgentoLe sang des bêtesLe silence est d'orLen Lye CentreLeo McCareyLet’s Get LostLetters from BaghdadLezione di cinemaLezioni di cinemaLezioni di pianoLiberazione di BolognaLibrary of CongressLibri sotto le stelleLights Out in EuropeLiliana CavaniLisa Stein HavenLo specchio della vitaLobster FilmsLorenzo CodelliLos MusidorosLouis FeuilladeLouise BrooksLuca GuadagninoLucciolaLuchino ViscontiLuciano EmmerLuciano TovoliLucien LogetteLucio FulciLuigi di GianniLuis BuñuelLumière! L'invenzione del cinematografoLunetta GamberiniLyda BorelliMa Vie En Allemagne Au Temps De HitlerMadame de...MaddalenaMadeleine ProbstMae WestMagnifica OssessioneMagnificent ObsessionMalombraMancia competenteManetti Bros.Manfredo ManfrediManoel de OliveiraMarcel CarnéMarcel HanounMarcello BaldiMarcello MastroianniMarco BellocchioMarco FerreriMarco GiustiMarco Tullio GiordanaMargarethe von TrottaMaria Pia AmmiratiMariam GhaniMariann LewinskyMarianne KhouryMariapaola PieriniMarie EpsteinMarie-Claire KuoMarilyn MonroeMarina VladyMarino NeriMario SoldatiMaritiMark McElhattenMark MorrisMarlene DietrichMarlon BrandoMarnieMartin ScorsesemasterclassMatt DillonMatteo GarroneMauritz StillerMaurizio PonziMax LinderMax OphülsMax SchreckMed HondoMeet Me in St. LouisMelissa AndersonMemphis BelleMGMMichael FitzgeraldMichael PogorzelskiMichael RogosinMichel CimentMichelangelo Antonionimigrazione italianaMiguel MarìasMike NicholsMilanoMildred PierceMilestone Film & VideoMilos FormanMiracolo a MilanoMishimaMitra FarahaniMK2Modern TimesModernissimoMoMaMontaggio BazinMonterey PopMontgomery CliftmostraMostra Mercato dell'Editoria CinematograficamotociclismomovietoneMukashi no UtaMurnau StiftungmusicmusicamusicalmusiciansMusidoramuti musicatiMutiflixNanni MorettiNano CampeggiNapoliNapoli che cantaNárodní Filmový ArchivNational Film and Sound Archive of AustralianazismoNeighborsNeil McGloneneorealismoNetflixNice girls don’t stay for breakfastNick CarterNick VivarelliNicola MazzantiNicolas SeydouxNicolas Winding RefnNicole VedrèsNight of the Living DeadNino OxilianoirNoir TeheranNosferatunouvelle vagueNouvelle vague iranianaỌlá BalógunOlaf MollerOmar SharifOne-Eyed JacksonlineOrchestraOrson WellesOscar MicheauxOsiride PevarelloospitiOsvaldo CavandoliOtto libri sotto le stelleOtto PremingerOusmane SembèneOut of the PastPamela HutchinsonPaola BonomiPaolo MereghettiPaolo VillaggioParadiso dei CinefiliParigi è sempre ParigiParis 1900Park Circusparole e voci dal festivalPathé FilmPatrick CazalsPatrick JeudyPaul HaggisPaul MeyerPaul SchraderPaulette GoddardpellicolaPer qualche dollaro in piùPer un pugno di dollariPere PortabellaPeter BargovPeter BogdanovichPeter BragovPeter ConheimPeter FondaPeter LorrePeter von BaghPhilippe GarnierPhilippe Le GuayPiazza MaggiorePiazzetta PasoliniPier Paolo PasoliniPietro GermipillolePola NegriPolidorpositifposterPotëmkinPotenza e gloriaPower and the gloryPratello poppremiazioneprenotazioniPresentazioni di libripress reviewPrévertproduttoriProgetto CristaldiProgetto Keatonprogrammaproiezioni del corpo femminile nel cinema delle originipubblicazionipubblicoPugliaQuestione tedescaquiz cinefiloRaffaele AndreassiragazziRaging BullRaiRai TecheRainer RotherRainer Werner FassbinderRajendra RoyRancho NotoriusRaoul PeckRapsodia satanicarassegnarassegna stampaRaymond BernardRe:Voir VideorecensionerecensioniregistiremakeRenato CasaroRenato CastellaniRené ClairRenzo RenziRenzo Rossellinirestaurorestorationrestoration of TransatlanticRevenge of the Creature 3DRiccardo CostantiniRidley ScottRitrovati & RestauratiRitrovati e RestauratiRitrovato 2017River of No ReturnRobert AltmanRobert De NiroRobert MitchumRoberto De GaetanoRoberto RosselliniRocco e i suoi fratelliRodrigo MercêsRoland SejkoRoman PolanskiRomano ScavoliniRomolo MarcelliniRomy SchneiderRosalie VardaRosauro CastroRoscoe ArbuckleRositaRoy MenariniRuben ÖstlundSafi FayeSala CerviSala MastroianniSala Scorsesesale cinematograficheSalesmanSam PeckinpahSamson SamsonovSamuel KhachikianSan Francisco Silent Film FestivalSangue sulla LunaSara GomezSara IommiSaturday Night FeverScarfacesceneggiataSchermi e LavagneScott SidneySean ConnerySecondo amoreSeedSegundo De ChomónSergej M. EjzenštejnSergio AmideiSergio CavandoliSergio LeoneserialSessue HayakawasetSeulShe Done Him WrongSherlock HolmesShirley ClarkeShivendra Singh DungarpurSiciliaSidney LumetSidney PoitierSignore e signorisilentsilent filmSilvia CalderoniSimona FrascaSimone SignoretSir Christopher FraylingSono zen’yaSophia LorenSotto le stelle del cinemaSotto le stelle del cinema 2021Southern GothicSpike LeeSquandered SundaySSC2020Stanley DonenStanley KubrickStanlio e OllioStarsStefania SandrelliStefano Accorsistefano bognarStellan SkarsgårdStephen frearsStephen HorneStevan RileySteve McQueenStoria del cinemaStorm in our townStreet AngelStuart HeislerStuckySud CoreaSummer SchoolSuper8SuspiriaSydney PollackTamizo IshidaTara JudahTarzan of the ApeTeatroTeatro Comunale di BolognaTechnicolorTeleramaTempi moderniTenente KižeTenettennessee williamsTerence FisherTerence HillTerza liceoTewfik HakemThe 7th Voyage of SinbadThe ApartmentThe Asphalt JungleThe AwakeningThe Bird with the Crystal PlumageThe Blues BrothersThe BratThe Buster Keaton ShowThe CameramanThe Film FoundationThe Film Foundation’s World Cinema ProjectThe Forgotten FrontThe GoatThe GodfatherThe Great DictatorThe GuardianThe Night BeforeThe Orplid MysteryThe PatsyThe PianoThe Road BackThe Siege of the AlcazarThe Story of G.I. JoeThe TruthThe UnvanquishedThe Village VoiceThe Woman Under OathThe Wonderful CountryThe YakuzaThierry FrémauxThomas SotinelTiago BaptistaTieshan gongzhuTimothy BrockTintinToniTonino Delli ColliTonino GuerraTony RaynsTorinoToro scatenatoTransatlanticTrizonaTrizoniaTrouble in ParadiseTuckerTunisiaUgetsu MonogatariUgo Pirrougo tognazziUmberto EcoUn tranquillo weekend di pauraUnder the BridgesUniversalUnter den BrückenUrsula AndressValentina FrascaroliValeria GolinoVampir-CuadecucVan PeeblesVarietyVedi Napule e po’ moriVeneziaVenezia 2019Venezia ClassiciVertigovideovideo spotVilliam WylerVincente MinnellVincente MinnelliVincenzo MollicaVintage Printvintage printsVisages VillagesVittime del peccatoVittorio BersezioVittorio BoariniVittorio CaprioliVittorio De SetaVittorio De SicaVittorio StoraroVivien LeighVoglio la testa di GarciaVolker SchlöndorffWalter LangWarren BeattyWes AndersonWest IndieswesternWhat ever happened to Baby JaneWilliam K. HowardWilliam WylerWim WendersWise BloodWolfgang Staudtewolves of KulturWoody AllenWorld Press PhotoWritten on the WindYakuzaYasujiro OzuYoussef ChahineYves MontandZabità NedeleZero for ConductZero in condottaZigomar