28/06/2019

Le meraviglie del techicolor nella sezione Vintage Prints: ‘Indiscreet’ al Cinema Ritrovato

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

La sezione ‘Alla ricerca del colore‘ continua ad entusiasmare il pubblico del Cinema Ritrovato. Con Indiscreet (1958), maliziosa e divertente commedia del 1958, il ricordo del regista Stanley Donen, scomparso lo scorso febbraio, è ancora splendidamente vivido.

Nella giornata finora più calda del festival (raggiunti addirittura i 40 gradi) Indiscreet (1958) di Stanley Donen arriva come una piacevole brezza estiva: la location è il gremitissimo Cinema Arlecchino, che nel corso di questa XXXIII edizione del Cinema Ritrovato ospita le proiezioni della sezione Alla ricerca del colore nel film. Per Indiscreet le poltrone dell’enorme sala non sono bastate, parte del pubblico ha dovuto scegliere il pavimento.

La breve quanto passionale introduzione di Michael Pogorzelski (Academy Film Archive) traccia un quadro preciso del regista, venuto a mancare lo scorso febbraio: “grandissimo cineasta e convinto sostenitore del Cinema Ritrovato” è sempre stato in grado di divertire ed emozionare in modo mai banale.  

Pogorzelski per concludere il suo delicato omaggio alla memoria di Donen e appena prima di lasciare gli spettatori alla visione del film, con un velo di malinconia consiglia a tutti di riguardare il discorso di accettazione del regista per l’Oscar alla carriera: “un piccolo frammento memorabile che ben definisce Donen non solo come autore ma soprattutto come uomo: elegante, dolce, sorprendente” . 

Abbassate le luci, lo spettacolo è unico: Cary Grant e Ingrid Bergman di nuovo insieme sullo schermo dodici anni dopo Notorious (Notorious – L’amante perduta, Hitchcock, 1946), stavolta in technicolor; lo scambio di sguardi magnetici tra i due non lascia indifferente il pubblico moderno, incantato da questa perla di rara bellezza e che si lascia andare, terminata la proiezione, in un lungo scrosciante applauso. Da qualche parte, nascosto e sorridente, Stanley Donen era lì ad assistere. 

Report di Martina Rizzo
Nell’ambito del corso di Alta Formazione per redattore multimediale e crossmediale, nel progetto di formazione della Cineteca di Bologna.