‘Der Fall Rosentopf’: il film perduto di Lubitsch al Cinema Ritrovato

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Domenica 24 giugno in Sala Mastroianni per la rassegna “Ritrovati e restaurati” è tornato sugli schermi Der fall Rosentopf, ultimo film del periodo tedesco del regista e attore Ernst Lubitsch, girato nel 1918.

Il Lubitsch restaurato è una pellicola che, soffiata via la polvere, dopo 100 anni non perde il suo smalto.  La copia era andata perduta fino a quando un elenco, comprendente la crime comedy, non è finito nelle mani di Dirk Förstner del Bundesarchiv Filmarchiv di Berlino: “Nella lista dei film da restaurare, un titolo mi colpì subito: Der Fall Rosentopf. Nella descrizione del progetto c’erano due parole chiave: “copia non preservata” e “unica copia negli archivi della FIAF”.

Del film sono giunti sino a noi solo 19 spassosi minuti. Dopo un secolo la copia ritrovata e restaurata è stata proiettata in occasione del Cinema Ritrovato ricreando lo stile di visione proprio dell’epoca.

Un piano e una batteria hanno accompagnato le gesta mute del dongiovanni tedesco qui nei panni di Sally, un detective ammiccante alle prese con un caso “molto intricato”: la caduta di un vaso di fiori da un balcone. Durante le sue peripezie il protagonista incontra la danzatrice Bella Spaketti, sulla quale dopo una serie di maldestri corteggiamenti si concentreranno i suoi sospetti. La mente va alle atmosfere che si potevano respirare nelle sale cinematografiche alla fine della Prima Guerra Mondiale, spesso teatri o sale affollate dove il cinema era vissuto come un’esperienza collettiva in mezzo a schiamazzi, applausi e risate. E sembra quasi di vedere il pianista chiamato a suonare la colonna sonora arrivare affannato sul palco senza aver provato lo spartito.

Nel 2018 le pareti del teatro si trasformano in quelle della Cineteca, a fianco al pianoforte compaiono anche una batteria, una fisarmonica e un flauto traverso a scandire le mimiche e i gesti tipici della commedia slapstick. Le risate, quelle invece, restano (probabilmente) le stesse. La scena del detective Sally sperduto per le vie della città e quelle della seducente danza del ventre su tutte.

Claudia Balbi e Laura Girasole

Replica Sabato 30 giugno ore 15:15 in Sala Mastroianni