Ritrovati e Restaurati

I migliori restauri eseguiti in tutto il mondo, in 35mm e in digitale. Da Nerone (1909) a Totò che visse due volte (1998), ottantasette anni di cinema tra film da scoprire (De Toth, Clair, Joseph Kane) e film che non ci si stanca mai di vedere, soprattutto in versioni come queste (Mizoguchi, Aldrich, Nicholas Ray). Con tre film di produzione Republic scelti personalmente da Martin Scorsese, omaggio all’inesauribile ricchezza della serie B del cinema classico: That Brennan Girl, woman’s drama anni Quaranta di Alfred Santell, The Plunderers di Joseph Kane, western con delitto, e il mélo esotico Laughing Anne di Herbert Wilcox. Ricorderemo il cinquantenario del Sessantotto, con alcuni dei Cinétracts di Godard, Gorin e la bande Dziga Vertov.

 

Nerone (1909) di Luigi Maggi e Arturo Ambrosio • La regina di Ninive (1911) di Luigi Maggi • Puppchen (1918) di Hubert Moest • Gräfin Küchenfee (1918) di Rudolf Biebrach • Christian Wahnschaffe (1920) di Urban Gad • Lights of Old Broadway (1925) di Monta Bell • Shiraz (1928) di Franz Osten • Les Deux timides (I due timidi, 1928) di René Clair • Enamorada (1939) di Emilio Fernández • Detour (Autostrada per l’inferno, 1945) di Edgar G. Ulmer • That Brennan Girl (1946) di Alfred Santell • Le Silence est d’or (Il silenzio è d’oro, 1947) di René Clair • The Plunderers (I rapinatori, 1948) di Joseph Kane • In a Lonely Place (Il diritto di uccidere, 1950) di Nicholas Ray • Saikaku ichidai onna (Vita di O-Haru, donna galante, 1952) di Kenji Mizoguchi • Laughing Anne (1953) di Herbert Wilcox • Carosello napoletano (1953) di Ettore Giannini • Soshun (Inizio di primavera, 1956) di Yasujiro Ozu • La Jetée (1963) di Chris Marker • Mishima: A Life in Four Chapters (Mishima – Una vita in quattrocapitoli, 1985) di Paul Schrader • Tucker: The Man and His Dream (Tucker – Un uomo e il suo sogno, 1988) di Francis Ford Coppola

 

Foto: Il diritto di uccidere