14/08/2020

Sotto le stelle del cinema: un successo in un anno difficile

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Vincere una scommessa nell’anno più difficile. È quanto possiamo dire di Sotto le stelle del cinema a un primo bilancio di Ferragosto: la storica manifestazione promossa dalla Cineteca di Bologna nell’ambito di Bologna Estate che da ventisei anni porta più di cinquanta sogni di cinema sul grande schermo di Piazza Maggiore era quest’anno più incerta che mai. Slittata di qualche settimana rispetto al suo consueto avvio alla metà di giugno, Sotto le stelle del cinema sta attraversando ancora una volta l’estate dei bolognesi e ci sta traghettando verso una 34ma edizione del festival Il Cinema Ritrovato che ne raccoglierà eccezionalmente il testimone il 25 agosto.

“Una scommessa giocata con la consapevolezza di compiere un’operazione importante per la città e per il mondo del cinema”, commenta il direttore della Cineteca di Bologna Gian Luca Farinelli. “Gli spettatori ci hanno premiato e ci hanno così convinti ancor più della scelta di realizzare Il Cinema Ritrovato alla fine di agosto, con uno slittamento di due mesi in avanti rispetto alle date originariamente previste. Sulle ali dell’entusiasmo che ci viene dalla risposta degli spettatori, stiamo preparando il grande spettacolo del Cinema Ritrovato, con le sue 7 sale e le sue 3 arene all’aperto: un bel segnale di ripartenza per il cinema in sala e per la nuova stagione che inaugureremo già il 26 agosto al Cinema Lumière con la copia in 70mm (unici in Italia assieme all’Arcadia di Melzo) dell’attesissimo Tenet di Christopher Nolan”.

Con 33mila spettatori in Piazza Maggiore e 10mila alla BarcArena, per un totale di 43mila spettatori, Sotto le stelle del cinema (celebrata proprio questa settimana dallo storico magazine americano “Newsweek” che inserisce Piazza Maggiore tra le 10 location di cinema all’aperto più belle del mondo) segna un record di presenze, nell’anno in cui la manifestazione si svolge nel rispetto delle distanze tra gli spettatori, mettendo in atto norme di sicurezza a contrasto della diffusione del Coronavirus. “Abbiamo piacevolmente notato che la varietà del nostro pubblico si è confermata anche quest’anno, segnale che attraverso un sistema di prenotazioni online e fisiche siamo riusciti a raggiungere tutte le fasce di popolazione”, prosegue Farinelli. “E siamo stati altrettanto felici di osservare la crescita del pubblico alla BarcArena: da Fa’ la cosa giusta di Spike Lee ha preso il volo anche questa nuova location, che ha portato quest’anno Sotto le stelle del cinema anche alla Barca”.

Ma non solo Fa’ la cosa giusta: molti sono stati i titoli amati particolarmente quest’anno, da Pink Floyd – The Wall a Otto e mezzo di Fellini, passando per le Vacanze romane di Audrey Hepburn e Gregory Peck.
E anche quest’anno ci sono stati molti ospiti che hanno reso indimenticabili le serate di Sotto le stelle del cinema: Stefano Accorsi ci ha rivelato che il suo nome viene proprio dalla passione del padre per Steve McQueen, festeggiato sul grande schermo nei 90 anni dalla nascita; Sergio Rubini ci ha raccontato il Fellini che ne ha tenuto a battesimo gli esordi; Marco Bellocchio ha portato Sotto le stelle del cinema lo straordinario successo del Traditore, accompagnato in una serata speciale dal produttore bolognese Beppe Caschetto, insignito per l’occasione della Turrita d’argento, da parte del Comune di Bologna.