IL SECOLO DEL CINEMA: 1902

Anno cruciale per viaggiare indietro nel tempo, dato che nel 1902 apparve uno degli astri più luminosi degli albori del cinema, “Star Film 399-411” ossia Viaggio nella luna di Georges Méliès, e insieme ai fantastici film a trucchi e alle splendide féerie dello stesso Méliès, nonché alle imitazioni di Gaston Velle (con i fratelli Lumière) e di Ferdinand Zecca (con Pathé), sarà tra i punti forti del programma. La grande varietà di generi già offerta da Pathé frères è un altro aspetto importante della produzione del 1902, che preannuncia la straordinaria espansione e il successo mondiale del cinematografo negli anni a venire.
A cura di Mariann Lewinsky e Karl Wratschko

IL SECOLO DEL CINEMA: 1902

CENTO ANNI FA: 1922

Se siete alla ricerca di capolavori, quest’anno troverete film di figure eccelse come Dreyer, Flaherty, Nazimova, Vertov, Delluc, Murnau, Dwan e Stroheim. Ma uscendo dai consueti canoni potrete anche scoprire opere di Zhang Shichuan, Teuvo Puro, Warren A. Newcombe e una selezione di cortometraggi tra cui due film a silhouette della pioniera dell’animazione Lotte Reiniger. Dedichiamo uno speciale omaggio ad Albert Samama Chikli e a sua figlia Haydée Tamzali che cento anni fa realizzarono Zohra, il primo film di finzione tunisino.
A cura di Mariann Lewinsky e Karl Wratschko

CENTO ANNI FA: 1922

I FIORI AVVELENATI DI VICTORIN-HIPPOLYTE JASSET

Omaggio a un uomo che diresse oltre centosessanta film in meno di cinque anni e che merita fama imperitura per aver introdotto nel cinema il genere poliziesco. Dopo una carriera da costumista e regista di popolarissimi spettacoli teatrali, Victorin-Hippolyte Jasset (1862- 1913) creò i primi serial polizieschi della storia del cinema, con protagonisti il detective Nick Carter e il crudele genio del male Zigomar, e un mediometraggio sull’intrepida cacciatrice di spie Protéa. Altrettanto affascinanti e sensazionalistici appaiono i titoli dei suoi film perduti: Meskal il contrabbandiere, Docteur Phantom, L’avvoltoio della Siria. Nel 1910 Jasset andò in Tunisia, e i film (in parte perduti) che vi girò insieme a Georges Hatot sono ben documentati da numerose immagini recentemente riscoperte negli archivi del fotografo Albert Samama Chikli.
A cura di Émilie Cauquy, Hiroshi Komatsu e Mariann Lewinsky

I FIORI AVVELENATI DI VICTORIN-HIPPOLYTE JASSET

DOCUMENTI E DOCUMENTARI

Film sul cinema, documentari recenti e classici che tornano a vivere sul grande schermo in versione restaurata. Fra questi ultimi, L’ultimo valzer, capolavoro del cinema rock di Martin Scorsese, l’inquietante Obedience, resoconto filmato del più celebre esperimento di psicologia sociale della storia, e due mediometraggi (A noi! e Accuso Mussolini!) che incorniciano, su opposti fronti, la parabola del fascismo in Italia. Non mancheranno i grandi ritratti, come i travolgenti atti d’amore dedicati a tre star iconiche come Maurice Chevalier, Yves Montand e Leila Diniz, ‘la Bardot’ brasiliana, o quelli che percorrono l’universo di grandi maestri con Luis Buñuel e Jacques Tati. A proposito di maestri, non perdetevi À vendredi, Robinson, ovvero una delle più intense riflessioni sulla creatività, la storia, il presente e il futuro del cinema attraverso il dialogo fra due potestà e due canizie come Godard e Golestan.
A cura di Gian Luca Farinelli

DOCUMENTI E DOCUMENTARI