IL CINEMA RITROVATO: MARCO FERRERI RITROVATO

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Tra le sezioni del festival anche Marco Ferreri Ritrovato. Il cinema di Ferreri ha segnato più stagioni del cinema europeo, tra Spagna, Francia e Italia, e incontrarlo oggi ci fa misurare tutta la distanza tra i nostri anni e un’epoca in cui, all’interno del cinema ‘ufficiale’, erano consentiti azzardi tematici e narrativi oggi impensabili.

I primi tre appuntamenti:
• 25 agosto, ore 15.30, Cinema Odeon: Marco Ferreri Ritrovato: Donne, soldati e….
• 26 agosto, ore 15.30, Cinema Oeon: L’infedeltà coniugale/ Il professore/ Marcia Nuziale
• 27 agosto, ore 15.30, Cinema Odeon: La donna scimmia

A proposito de ‘La donna scimmia’, Il Giornale della Cinefilia, Cinefilia Ritrovata ne propone un approfondimento critico:

“Il film è una coproduzione italo-francese del 1964. Il progetto, però, risale alla metà degli anni ’50, al cosiddetto “periodo spagnolo” di #MarcoFerreri, che occasiona l’elettivo sodalizio con lo scrittore #RafaelAzcona. Insieme, infatti, firmano la sceneggiatura. Il soggetto s’ispira alla vicenda di Julia Pastrana: donna barbuta nata in Messico nel 1834, esibita come fenomeno in freak show di vari Paesi, conosce un certo Theodore Lent che diventa suo marito e impresario; a 26 anni Julia mette al mondo un bambino (peloso), che muore subito dopo, raggiunto dalla madre per complicazioni post-partum; Lent fa mummificare moglie e figlio per esibirli nei suoi spettacoli.”

Continua a leggere l’approfondimento di Michele Canosa