30/07/2020

Il Cinema Ritrovato | Fuori Sala #14

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

“L’Idroscalo è uno specchio d’acqua alle porte di Milano.
A tratti le rive che lo circondano sono quelle pacate dei fiumi della valle padana,
in altri punti invece le lastre di cemento ricordano il paesaggio urbano.
Intorno al lago artificiale la città ha creato, come poteva, la sua spiaggia”.

 

p
Ventesima puntata della rubrica online “Il Cinema Ritrovato | Fuori Sala”, alla scoperta di piccole perle di cinema conservate nei nostri archivi (guarda gli episodi precedenti). Andrea Meneghelli, responsabile dell’Archivio Pellicole della Cineteca di Bologna e curatore – insieme a Gian Luca Farinelli – di questa rubrica, introduce il film.

In questo nuovo episodio celebriamo l’estate con il corto Il mare in brughiera di Piero Nelli, girato nel 1962 a Milano, sull’Idroscalo: uno sguardo a volte affettuoso altre mordace su un’umanità varia e popolare, discinta e gioiosa, quella del boom economico italiano.

Militante e di famiglia aristocratica, Piero Nelli è uno di quei classici esempi di cineasti dotati di talento che però non sono mai riusciti veramente a penetrare nell’universo dorato del cosiddetto “cinema che conta”. Inizia negli anni Quaranta come assistente di Giuseppe De Santis e nel 1954 gira l’unico suo lungometraggio, La pattuglia sperduta, esempio piuttosto isolato di film sul Risorgimento italiano realizzato senza attori professionisti e senza retorica, che otterrà un clamoroso insuccesso. Abbandonato il lungo formato, il regista si dedicherà a una vasta produzione di documentari, cortometraggi e regie televisive, rimanendo tuttavia sempre un personaggio nell’ombra. Ma, in fondo, sta a noi “il compito di scavare in questi sedimenti nascosti del cinema italiano per riportarli alla luce”.

p

Guarda l’introduzione e il film cliccando sull’immagine:

p

Rubrica a cura del direttore della Cineteca Gian Luca Farinelli e del responsabile dell’Archivio Pellicole Andrea Meneghelli.