Cinefilia Ritrovata, focus su: il restauro della colonna sonora di ‘Modern Times’, ‘Dora Nelson’ e William Wyler

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Tre nuovi articoli critici dal team di CinefiliaRitrovata.it, questa volta dedicati al restauro della colonna sonora di Modern Times, a Dora Nelson nell’omaggio a Mario Soldati e a William Wyler.

“Chaplin raggiunse l’apice della sua carriera di compositore proprio con la colonna sonora di Tempi moderni, una partitura innovativa ed estremamente complessa che segnò indubbiamente un passo in avanti da un punto di vista musicale e pratico”. Queste le parole di Timothy Brock supervisore del restauro della partitura del film, nonché direttore dell’orchestra del teatro comunale di Bologna che ieri ha eseguito dal vivo la colonna sonora nel corso della serata d’apertura del Cinema Ritrovato.
Continua a leggere il pezzo di Federica Marcucci.

“Mario Soldati, uno scrittore a Cinecittà”, così titola l’omaggio dedicato in questa edizione al cinema italiano. I sette lungometraggi (e due cortometraggi) che andranno a comporre l’intera sezione sono inaugurati da Dora Nelson, datato 1939, primo film in cui Soldati ebbe totale libertà, “dopo tanti anni di sceneggiature e mezze regie”. Dora Nelson (Assia Noris) diva del cinema e nobile decaduta, dopo un’accesa lite col regista abbandona il set del film “Cuore Infranto”.
Continua a leggere il pezzo di Stefano Careddu.

La sezione dedicata agli anni della gestione Carl Laemmle Junior della Universal si è aperta con una doppietta di film di William Wyler poco conosciuti: A House Divided e The Good Fairy, rispettivamente un dramma del 1931 e una commedia del 1935. A House Divided è un dramma familiare costruito attorno alla presenza scenica intensa e durissima di Walter Huston, che interpreta Seth Law, un padre padrone appena rimasto vedovo, incapace di venire a patti con emozioni e debolezze.
Continua a leggere il pezzo di Chiara Checcaglini.