27/06/2016

Cinefilia Ritrovata, focus su: ‘Piccolo mondo antico’ e ‘Falbalas’

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Mario Soldati è considerato uno degli autori di punta del cosiddetto cinema calligrafico, quel filone di adattamenti ottocenteschi in cui esordiranno tra gli altri Alberto Lattuada (qui tra gli sceneggiatori) e Renato Castellani (oggetto della retrospettiva dello scorso Cinema Ritrovato). Piccolo mondo antico (1941), film che apre la sua trilogia fogazzariana (seguiranno Malombra e Daniele Cortis), è da più parti definito il più calligrafico tra i film di Soldati.
Continua a leggere il pezzo di Stefano Careddu.

Quando comincia a lavorare a Falbalas, Becker ha già all’attivo due film polizieschi di discreto successo, Dernier Atout (1942) e Goupi Mains Rouges (1943). Le riprese di Falbalas vengono realizzate a Parigi in piena occupazione nazista, e la lavorazione si dimostra particolarmente difficoltosa e rocambolesca (il film fu girato interamente di notte, poiché i tedeschi permettevano l’uso di energia elettrica solo in quelle ore).
Falbalas uscirà nelle sale solo nel 1945, a guerra finita, eppure il film non sembra recare alcuna traccia della complessa situazione politica in cui è stato realizzato: ambientato nel patinato mondo dell’haut couture parigina, in cui la madre di Becker aveva lavorato per anni, il film non valica mai i confini di questo microcosmo alto-borghese e apparentemente frivolo.
Continua a leggere il pezzo di Maria Sole Colombo.