27/06/2018

Cinefilia Ritrovata: focus su ‘C’era una volta il West’

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Gli approfondimenti della redazione di Cinefiliaritrovata.it e del team Sguardi giovani sulla serata della proiezione di C’era una volta il West di Sergio Leone in Piazza Maggiore, a cinquant’anni dall’uscita in sala.

Il sogno di Sergio Leone diviene realtà, come ha detto Sir Christopher Frayling presentando il film:
“Il capolavoro di Sergio Leone è un’opera perfetta per riaffermare la necessità di un’esperienza di visione che sia per forza immensa quanto gli spazi sterminati mostrati dai piani lunghissimi di cui il film è costellato, ed esaltati dai colori cangianti della pellicola restaurata, o almeno quanto l’ambizione del regista nel tentare di imbastire un racconto che sia allo stesso tempo celebrativo e nostalgico nei confronti del genere”.
Leggi l’articolo di Andrea Pedrazzi

Sergio Leone, Ennio Morricone e il tema del West:
“Il contributo di Ennio Morricone è sempre stato un fattore di primaria importanza nel cinema di Leone: le sue musiche venivano scritte prima dell’inizio della lavorazione così da permettere al regista romano di utilizzarle durante i ciack, aiutando gli attori a entrare nel personaggio e nell’atmosfera della narrazione. Leone definiva il compositore, “il migliore sceneggiatore dei suoi film”, proprio perché capace di costruire temi differenti per ogni personaggio, stratificati e declinabili secondo le varie esigenze filmiche e che in qualche modo racchiudono in sé caratteristiche riconducibili ai personaggi e a tutto quello che questi vogliono simboleggiare.”
Leggi l’articolo di Stefano Careddu