20/06/2017

Cinefilia Ritrovata, waiting for Il Cinema Ritrovato: focus on Ken Russell, ‘Mildred Pierce’ and Emmer’s Sunday

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Prima tornata di post del magazine CinefiliaRitrovata.it dedicati al Cinema Ritrovato. Come ogni anno il magazine della Cineteca di Bologna seguirà da vicino – e con sguardo critico – gli appuntamenti più salienti in programma. Iniziamo con tre pezzi:

Ken Russell e l’art déco

Donne in amore (1969) è un film di Ken Russell tratto dall’omonimo romanzo di David Herbert Lawrence e ambientato nel 1920 in un’Inghilterra in cui ancora si piangono i tanti morti del primo conflitto m0ndiale erigendo monumenti commemorativi, un periodo storico che vede per la prima volta le donne rivendicare i loro diritti e che nel nostro caso diviene teatro dell’emancipazione di due sorelle.
Continua a leggere il pezzo di Cecilia Cristiani.

Aspettando Il Cinema Ritrovato: Mildred Pierce

“Tutto il mondo – scrive Marco Rossari – ruota intorno a due sole cose: i soldi e il sesso. Ci vuole del coraggio ad ammetterlo e ancora di più a scriverlo. Tre grandi pensatori hanno messo questa idea al centro della loro opera. I loro nomi sono Karl Marx, Sigmund Freud e James M. Cain. L’unica differenza è che il terzo te lo racconta con una storia e dei personaggi. E, nei momenti migliori, senza una virgola fuori posto”.
Mildred Pierce di Michael Curtiz con Joan Crawford, è tratto dall’omonimo romanzo di James Mallahan Cain, noto più comunemente come James M. Cain. Autore di diversi racconti e romanzi scritti tra il 1934 e il 1975 – che per lo più affondano la narrazione in storie di avidità, ambizione, sesso e violenza – Cain è stato spesso fonte di ispirazione per il grande schermo. In realtà non amava essere etichettato.

Continua a leggere il pezzo di Lorenza Govoni

La domenica di Emmer

Tra i film proposti nella sezione Una domenica a Bologna, dedicata a storie che si svolgono nel settimo giorno della settimana, Domenica d’agosto (Luciano Emmer, 1950) è forse il più conosciuto, almeno presso gli spettatori italiani. Sull’esordio del regista, un tempo tra i meno considerati ed ormai oggetto di costante attenzione critica – se non altro per l’immensa mole di lavoro fuori dal “cinema ufficiale” (caroselli, documentari, cortometraggi, sceneggiati) – molto si è scritto, all’epoca soprattutto in termini dispregiativi: che scandalo tutte quelle cosce nude, che squallore i flirt degli adulti!
Continua a leggere il pezzo di Lorenzo Ciofani.