SOSTENIBILITÀ

Perché un evento 'green'

 

Tutto quello che facciamo ha un impatto sul pianeta, anche guardare un film, andare al cinema o mangiare dei popcorn.
Per questo Cineteca di Bologna ha deciso di intraprendere un percorso di sostenibilità in collaborazione con zeroCO2 per riconnettere cinema e ambiente e sensibilizzare i partecipanti, gli ospiti e la città di Bologna sull’importanza di agire per contrastare le crisi climatica.
L'obiettivo è rendere sostenibile Il Cinema Ritrovato attraverso un percorso volto a ridurre, calcolare e compensare l'impatto ambientale del festival.
A partire dalla XXXVI edizione il festival sarà quindi carbon neutral: un primo passo di un percorso di crescente consapevolezza perché il Cinema Ritrovato diventi un modello di riferimento di sostenibilità nel settore cultura.

SENZA NATURA: ZOHRA di Albert Samama Chikli

Uno studio d’impatto

 

Durante l’evento saranno raccolti i dati utili a misurare le emissioni relative alle attività della rassegna Cinema Ritrovato della Cineteca di Bologna.
Verranno prese in considerazione tutte le emissioni legate all’organizzazione e alla realizzazione dell’evento, come il consumo di energia elettrica delle sale, il trasporto delle merci, i materiali per l’allestimento delle location, le emissioni legate ai prodotti utilizzati. Verrà compresa la mobilità di organizzatori e partecipanti.
Le emissioni di gas serra calcolate saranno poi neutralizzate attraverso i progetti di zeroCO2.
Lo studio d’impatto, inoltre, ci aiuterà a comprendere in quali fasi e i processi potremo migliorarci nelle edizioni future. 
Un obiettivo ambizioso che vedrà coinvolte tutte le persone  che ruotano attorno al festival.

SENZA NATURA: LUDWIG di Luchino Visconti

Un festival più green grazie a:

 

Aumento della qualità della carta.
Diminuzione della quantità di carta.
Valorizzazione dei materiali di scarto.
Utilizzo di auto elettriche e ibride. 

 

Un cinema di buone pratiche grazie a:

 

Acqua e cibo plastic free.
Riduzione dello spreco alimentare.
Raccolta differenziata.
Recupero e riuso.
Trasporti sostenibili.

 

Per scoprire di più fai click qui

SENZA NATURA: DAR GHORBAT / IN DER FREMDE DI SOHRAB SHAHID SALESS

La foresta del cinema ritrovato

Progettazione e prevenzione non azzerano l’impatto

Le emissioni di CO2 risultanti dallo studio LCA verranno compensate (a valle del festival) attraverso i progetti di zeroCO2. In particolare, verrà creata la foresta ad alto impatto sociale del Cinema Ritrovato.


La foresta prenderà vita in Guatemala e i suoi alberi, crescendo, andranno ad assorbire CO2 dall’atmosfera e a creare nuovi habitat ricchi di biodiversità. Inoltre tutti gli alberi verranno donati a famiglie contadine che, prendendosene cura, gioveranno dei frutti prodotti e potranno lavorare i propri terreni, senza il rischio di doverli cedere alle multinazionali della palma da olio. 

 

 

[gallery columns="4" size="medium" ids="69628,69627,69626,69625,69624,69623,69622,69621"]