RITROVATI E RESTAURATI

A cura di Gian Luca Farinelli

Quest’anno, ancor più che nelle precedenti edizioni, abbiamo ricevuto da tutto il mondo centinaia di proposte di nuovi affascinanti restauri. Al termine di un lungo processo di selezione, abbiamo elaborato un programma nel quale ogni spettatore potrà trovare la propria felicità cinefila. Tra gli eventi più attesi, il ritorno, come non l’avete mai vista, di un’opera monumentale e ‘invisibile’ per eccellenza, il Napoléon vu par Abel Gance, di cui presentiamo, grazie al lavoro decennale della Cinémathèque française, la prima parte (3 ore e 47 minuti). La collaborazione tra la Warner Bros. e la Film Foundation di Martin Scorsese ha permesso il restauro di alcuni classici eterni del cinema USA – Sentieri selvaggi di John Ford e Intrigo internazionale di Alfred Hitchcock – in 70mm, il ‘glorioso’ formato che raddoppia la larghezza delle pellicola come il piacere della visione su grande schermo. Ma teniamo viva anche la  nostra passione per le pellicole 35mm vintage Technicolor con alcune copie preziosissime che l’Academy Film Archive presenterà eccezionalmente al nostro festival. Celebreremo anche il centenario della Sony Columbia, una casa di produzione che ha attraversato (e fatto) la storia del cinema. Se avete l’impressione che ci siano troppi film a stelle e strisce, vogliamo rassicurarvi: potrete vedere anche restauri definitivi di opere di Yasujiro Ozu, Hans Fischinger, Carlo Rim, Akira Kurosawa, Carlos Saura, Jacques Demy, Mario Bava, Antonio Pietrangeli, François Truffaut, Miklós Jancsó, Seijun Suzuki, Satyajit Ray, Peter Zadek, Ester Krumbachová, Marco Bellocchio…
Per il terzo anno Pratello Pop aprirà le porte del Cinema Europa (dove il festival è nato trentotto anni fa) ai film cult e ‘alternativi’. All’interno dell’ampia selezione di film muti, segnaliamo in particolare il restauro Gaumont del serial in dodici episodi del 1916 Judex di Louis Feuillade, e una selezione di corti con Stanlio e Ollio del 1927, finalmente restaurati da FPA Classics.
Abbiamo la conferma di tantissimi ospiti amici, registi, colleghi, restauratori. Ne annunciamo uno per tutti: Wim Wenders che presenterà due dei suoi film più emblematici, Paris, Texas e Buena Vista Social Club.

Scuola d’eroi (For Napoleon and France, 1914) di Enrico Guazzoni • Judex (1916) di Louis Feuillade • Az utolsó hajnal (The Last Dawn, 1917) di Mihály Kertész • The Adventurer (L’evaso, 1917) di Charles Chaplin • Kohlhiesels Töchter (Kohlhiesel’s Daughters, 1920) di Ernst Lubitsch • Surcouf (1924) di Luitz-Morat • Das Recht zu leben (1927) di Robert Wohlmuth • Napoléon vu par Abel Gance – Parte 1 (1927) di Abel Gance • Man, Woman and Sin (L’uomo, la donna e il peccato, 1927) di Monta Bell • Conte Cruel (Cruel Tale, 1930) di Gaston Modot • Man Trouble (Il tormento di un uomo, 1930) di Berthold Viertel • Umarete Wa Mita Keredo… (Sono nato, ma… / I Was Born, But…, 1932) di Yasujiro Ozu • Freaks (1932) di Tod Browning • Pépé le Moko (Il bandito della Casbah, 1937) di Julien Duvivier • Tanz der Farben (1939) di Hans Fischinger • The Roaring Twenties (I ruggenti anni Venti, 1939) di Raoul Walsh • Lady for a Night (Signora per una notte, 1942) di Jason Leigh • The Body Snatcher (La jena/ La iena – L’uomo di mezzanotte, 1945) di Robert Wise • Act of Violence (Atto di violenza, 1949) di Fred Zinnemann • Devil’s Doorway (Il passo del diavolo, 1950) di Anthony Mann • The Lavender Hill Mob (L’incredibile avventura di Mr. Holland, 1951) di Charles Crichton • Singin’ in the Rain (Cantando sotto la pioggia, 1952) di Gene Kelly • Gojira (Godzilla, 1954) di Ishiro Honda • Demetrius and the Gladiators (I gladiatori, 1954) di Delmer Daves • Shichinin no samurai (I sette samurai / Seven Samurai, 1954) di Akira Kurosawa • The Searchers (Sentieri selvaggi, 1956) di John Ford • North by Northwest (Intrigo internazionale, 1959) di Alfred Hitchcock • Los golfos (I monelli / The Delinquents, 1960) di Carlos Saura • Peeping Tom (L’occhio che uccide, 1960) di Michael Powell • Tirez sur le pianiste (Tirate sul pianista, 1960) di François Truffaut • La visita (1963) di Antonio Pietrangeli • Nuit noire, Calcutta (1964) di Marin Karmitz • Les Parapluies de Cherbourg (1964) di Jacques Demy • Szegénylegények (I disperati di Sandor / The Round-Up, 1966) di Miklós Jancsó • Tôkyô nagaremono (Deriva a Tokyo – Il vagabondo di Tokyo / Tokyo Drifter, 1966) di Seijun Suzuki • Tropici (Tropics, 1968) di Gianni Amico • Ich bin ein Elefant, Madame (I’m an Elephant, Madame, 1969) di Peter Zadek • Vražda ing. erta (Murdering the Devil, 1970) di Ester Krumbachová • Johnny Got His Gun (E Johnny prese il fucile, 1971) di Dalton Trumbo • Malpertuis (1971) di Harry Kumel • McCabe & Mrs. Miller (I compari, 1971) di Robert Altman • Quatre nuits d’un rêveur (Quattro notti di un sognatore, 1971) di Robert Bresson • Deliverance (Un tranquillo weekend di paura, 1972) di John Boorman • Group Marriage (1972) di Stephanie Rothman • Sbatti il mostro in prima pagina (Slap the Monster on Page One, 1972) di Marco Bellocchio • I corpi presentano tracce di violenza carnale (Torso, 1973) di Sergio Martino • The Devil in Miss Jones (Miss Jones, 1973) di Gerard Damiano • Mean Streets (1973) di Martin Scorsese • Pat Garrett and Billy the Kid (Pat Garrett e Billy the Kid, 1973) di Sam Peckinpah • The Sting (La stangata, 1973) di George Roy Hill • The Conversation (La conversazione, 1974) di Francis Ford Coppola • Phase IV (Fase IV: distruzione Terra, 1974) di Saul Bass • The Sugarland Express (Sugarland Express, 1974) di Steven Spielberg • The Working Girls (1974) di Stephanie Rothman • The Innerview (1975) di Richard Beymer • Jaws (Lo squalo, 1975) di Steven Spielberg • Risky Business (Risky Business – Fuori i vecchi… i figli ballano, 1983) di Paul Brickman • Amadeus (1984) di Miloš Forman • Paris, Texas (1984) di Wim Wenders • Hellraiser (1987) di Clive Barker • Voyager (Passioni violente, 1991) di Volker Schlöndorff • The Annihilation of Fish (1999) di Charles Burnett • The Protagonists (1999) di Luca Guadagnino… e molti altri! / and many more!