Dom

26/06

Cinema Lumière - Sala Officinema/Mastroianni > 09:00

PROTÉA

Victorin-Hippolyte Jasset
Accompagnamento al piano di

Maud Nelissen

Info sulla
Proiezione

Domenica 26/06/2022
09:00

Sottotitoli

Versione originale con sottotitoli

Modalità di ingresso

Tariffe del Festival

PROTÉA

Scheda Film

Il film è stato restaurato nel 1998 utilizzando un controtipo positivo stampato dal negativo originale nitrato incompleto e una copia olandese frammentaria, entrambi presenti nelle collezioni della Cinémathèque française. Per la ricostruzione del film – tutt’ora lacunosa – ci si è inoltre avvalsi di un controtipo positivo argentino 16mm. Nel 2013 la Cinémathèque française ha intrapreso un restauro digitale in 2K, aggiungendo le colorazioni della copia nitrato olandese. Il negativo originale ha fornito diverse indicazioni cromatiche che non erano state prese in considerazione nei primi lavori di restauro. I caratteri tipografici dei cartelli creati da Francis Lacassin sono stati rielaborati in funzione delle didascalie Éclair del 1913, ritrovate su diverse copie.

Se “i film più belli sono quelli che non abbiamo visto”, Protéa di Victorin Jasset è stato per molto tempo uno dei gioielli introvabili della cinefilia ideale. Molto popolare ai suoi tempi (prova inconfutabile: generò quattro seguiti, l’ultimo nel 1919), è rimasto leggendario per otto decenni fino al primo restauro nel 1995 da parte della Cinémathèque française. Contrariamente a Nick Carter, Zig mar e Balaoo, Protéa non deve nulla alla letteratura o all’infraletteratura e fonda un mito propriamente cinematografico, una figura nata dal cinema e per il cinema (molto rapidamente apparvero sulla sua scia Musidora, i serial di Pearl White, Ruth Roland, Helen Holmes, ecc.). Quindi Protéa, tra altre profezie, racconta il futuro di un genere cinematografico: il film di spionaggio. Da Protéa a GoldenEye. O da Protéa a Black Widow, per rimanere nel registro delle superdonne. Proteo, figlio di Poseidone nella mitologia greca, aveva il duplice dono di predire il futuro e di mutare forma a piacimento. Sua degna erede, Protéa passa rapidamente da una tenuta all’altra dando costante prova del suo talento per il travestimento, arte raddoppiata da quella del suo complice, l’Anguilla, che non è da meno. Eroina dimorfa, è nella definizione dello storico Francis Lacassin “l’interprete di una dozzina di ruoli di entrambi i sessi. Donna d’affari nell’ufficio del prefetto di polizia di Messenia che le affida la missione; donna di mondo sotto due diverse sembianze sull’Orient Express per sottrarre le carte diplomatiche del conte di Varallo; acrobata scassinatrice durante un’incursione notturna al ministero degli Esteri di Celtie; vecchia signora venuta a presentare una supplica al ministro; aiutante di campo; violinista tzigana durante un ballo; ‘moglie’ dell’ambasciatore di Albania; piromane e poi pompiere; domatrice di leoni nel serraglio di un luna park; contadina; ufficiale di Celtie”, e così via. In un’epoca in cui non si parlava ancora di effetti speciali ma di ‘trucchi’, Protéa, pioniera del travestimento, regina del trasformismo e del cambio di costume in scena dà il via alle danze dei mutamenti destinati a un luminoso futuro cinematografico.

Bernard Benoliel

Cast and Credits

Scen.: Victorin-Hippolyte Jasset. F.: Lucien N. Andriot. Int.: Josette Andriot (Protéa), Lucien Bataille (l’Anguilla), Charles Krauss (il barone de Nyborg), Henri Gouget (Monsieur de Robertsau), Emile Chautard (il ministro), Mévisto (il locandiere), Jacques Feyder (un diplomatico). Prod.: Éclair. DCP. D.: 50’.
Bn e imbibito