Lun

26/07

Cinema Jolly > 09:00

I FIGLI DI NESSUNO – Episodio 2

Ubaldo Maria Del Colle
Accompagnamento al piano di

Meg Morley

Info sulla
Proiezione

Lunedì 26/07/2021
09:00

Sottotitoli

Versione originale con sottotitoli

Modalità di ingresso

Tariffe del Festival

Prenota

I FIGLI DI NESSUNO - Episodio 2

Scheda Film

Per la famiglia Lombardo (e di conseguenza per il cinema italiano) I figli di nessuno è stata una specie di ossessione ricorrente. Una sorta di affare di famiglia, che ha finito per riguardare milioni di persone. Il romanzo di Ruggero Rindi, la cui prima edizione al momento accertata risale al 1908, è stato portato sullo schermo tre volte. In due casi, parliamo di film grandiosi (e premiati da grandissimo successo popolare). La prima versione è questa del 1921, prodotta dalla Lombardo Film di Gustavo Lombardo e interpretata da Giselda Lombardi (in arte Leda Gys). All’epoca i due, non ancora sposati, avevano già un figlioletto, di nome Goffredo. Esattamente trent’anni dopo, Gustavo muore e le redini della società, ora denominata Titanus, passano in mano al figlio. La prima produzione interamente curata da Goffredo sarà un altro I figli di nessuno, il terzo capitolo della fondamentale serie strappalacrime ordita con diabolica efficacia da Raffaello Matarazzo (con l’insostituibile complicità della coppia Nazzari-Sanson). In mezzo, per fare i puntigliosi, va registrata un’ulteriore versione, troppo impaludata nel mistico per reggere il confronto con le altre due: sempre prodotta dalla Titanus, diretta da Giulio Antamoro e Federico Sinibaldi, esce nel 1943 col titolo L’angelo bianco. A questo punto gli incroci cominciano a diventare molesti, visto che L’angelo bianco è anche il titolo del sequel dei Figli di nessuno che, nel 1955, Titanus-Matarazzo-Nazzari-Sanson porteranno magistralmente sullo schermo… Insomma, la storia dei (vari) Figli di nessuno è intricata quanto un feuilleton.

Tornando al film del 1921, qualche ottimo spunto lo andiamo a pescare da un vecchio articolo: “Personaggi che soffrono perché vittime di ingiustizie sociali, o perché travolti da umane ed eterne passioni, o perché schiacciati da un destino cieco e crudele. Vicende imperniate sulla verità della vita quotidiana, verità non cercata nei fatti esteriori, ma nella concretezza stessa dell’esistenza di ognuno”. Lo scrive Matarazzo sul quotidiano “L’Unità” nel 1955. Solo che non sta parlando di un film muto che (forse) non ha mai visto. Sta parlando del proprio cinema e della propria idea estetica di melodramma.

I figli di nessuno (entrambi!) è un’esperienza palpitante, onirica e realistica, confortante e crudele.

Andrea Meneghelli

 

Leggi la recensione su Cinefilia Ritrovata

 

Cast and Credits

T. int.: Nobody’s Children. Sog.: dal romanzo omonimo (1908) di Ruggero Rindi. Scen.: Ubaldo Maria Del Colle. F.: Vito Armenise. Int.: Leda Gys (Luisa), Ubaldo Maria Del Colle (Poldo), Ermanno Roveri (Gualberto ‘Balilla’), Alberto Nepoti (Arnaldo Carani), Léonie Laporte (contessa Carani), Ignazio Lupi (il curato), Giulio Berenzone (il padre di Luisa), Rita Almanova (Edvige). Prod.: Lombardo Film. DCP. Col. (da un nitrato imbibito)