Ven

28/08

Teatro Auditorium Manzoni > 11:00

CLAUDINE

John Berry

Info sulla
Proiezione

Venerdì 28/08/2020
11:00

Sottotitoli

Versione originale con sottotitoli

Modalità di ingresso

Tariffe del Festival

CLAUDINE

Scheda Film

Claudine è un film insolito per vari motivi. Racconta com’è essere neri e poveri, vivere di sussidi, tentare di sbarcare il lunario economicamente ed emotivamente senza essere costretti dal sistema a imbrogliare. La cosa più insolita di Claudine è che sembra prendere sul serio la vita familiare, cosa che oggi fanno pochissimi film. Claudine non è molto diverso da una tipica sitcom televisiva, almeno dal punto di vista stilistico. È un film molto gradevole. I colori, perfino sul- le strade di Harlem cosparse di rifiuti, sono vivaci e allegri come quelli dei dépliant dei Caraibi. La protagonista è interpretata da Diahann Carroll, una donna dalla bellezza singolare, chic a suo modo anche quando è in vestaglia. I suoi sei figli, frutto di due matrimoni e di due “unioni consensuali”, non sono mai a corto di paro- le, talvolta brutalmente schiette ma molto spesso esilaranti, un po’ come quelle che i ragazzini in carne e ossa sognano di pronunciare ma raramente pronunciano. Tutto questo è vero. Eppure Claudine è una commedia americana di prim’ordine che dà spessore a una forma popolare. È anche il primo film importante sulla vita contemporanea degli afroamericani a raccontare le speranze, le lotte, le sconfitte e le frustrazioni di persone che non siano superpoliziotti, supermusicisti, super- stalloni o superspacciatori. [...] Anche se il mondo fisico in cui Claudine e Roop (James Earl Jones) conducono il loro corteggiamento e la loro frenetica relazione appare piacevole e romantico, i problemi che i due devono affrontare sono innegabilmente reali. Il figlio maggiore di Claudine vacilla sull’orlo della militanza. La figlia maggiore, quindicenne, rimane incinta e sembra avviata a seguire la traiettoria della madre, che a trentasei anni si ritrova con sei figli e senza un marito. Uno dei figli più piccoli è così traumatizzato che si rifiuta di parlare e preferisce comunicare con il mondo per mezzo di criptici appunti scritti su un blocco da disegno... Claudine è il primo film prodotto dalla Third World Cinema, compagnia fondata cinque anni fa per fornire strutture di formazione agli afroamericani e ai portoricani interessati a girare e produrre film in grado di riflettere più fedelmente l’esperienza delle minoranze in America. 

Vincent Canby, Cheers for ‘Claudine’, “The New York Times”, 5 maggio 1974 

 

La recensione su Cinefilia Ritrovata

Cast and Credits

Scen.: Tina Pine, Lester Pine. F.: Gayne Rescher. M.: Luis San Andres. Scgf.: Edward S. Haworth, Ben Kasazkow. Mus.: Curtis Mayfield. Int.: James Earl Jones (Roop), Diahann Carroll (Claudine), Lawrence-Hilton Jacobs (Charles), Tamu (Charlene), David Kruger (Paul), Yvette Curtis (Patrice), Eric Jones (Francis). Prod.: Hannah Weinstein per Third World Cinema Productions. DCP. Col.