Sab

17/07

LunettArena > 21:45

UNA BELLA GRINTA

Giuliano Montaldo
Introduce

Giuliano Montaldo (in video)

In caso di pioggia, la proiezione verrà annullata.

Info sulla
Proiezione

Sabato 17/07/2021
21:45

Sottotitoli

Versione originale con sottotitoli

Modalità di ingresso

Ingresso gratuito su prenotazione

Prenota

UNA BELLA GRINTA

Scheda Film

Qualche anno dopo Tiro al piccione il produttore-partigiano Giuliani mi chiese generosamente se volevo fare Una bella grinta, da un’idea sua e di Lucio Battistrada. Ma i soldi erano… diciamo che non erano. Il film costò, a copia-campione, venti milioni. Soldi effettivamente spesi per la lavorazione: non più di sei-sette milioni. Anche per l’epoca, erano cifre ridicole. Una bella grinta è un film che oggi mi piacerebbe rifare – magari ambientandolo nel mondo della cosiddetta new economy – perché mi sembra non abbia perso di attualità: parlava del neocapitalismo rampante, e un po’ pazzo. Il protagonista era un tizio ambizioso, che abbandona la campagna emiliana dove è nato e cresciuto e costruisce una fabbrichetta lungo l’Autostrada del Sole. E l’idea è proprio quella: non c’è una base produttiva, non c’è una vera sostanza industriale, c’è solo l’idea che avere la fabbrica al bordo dell’autostrada assicuri visibilità, pubblicità, ricchezza. È puro marketing. Il film ebbe ottime critiche e nessuno lo vide, nemmeno la mia mamma. Girammo a Bologna, una città di grande ospitalità e disponibilità. Il protagonista era Renato Salvatori, poi doppiato dal bolognese Raoul Grassilli. Alcuni attori furono trovati letteralmente un attimo prima di girare: quando vedevamo qualcuno con una faccia che ci piaceva, lo bloccavamo anche in mezzo alla strada e gli dicevamo: “Lei che fa, dove va? Si fermi un attimo con noi a fare il cinema”. Quando finivano i soldi, Renato Salvatori veniva in soccorso: passava una notte a giocare a poker – aveva una faccia da poker stupenda – e il giorno dopo potevamo pagare i conti. Renato era un divo, reduce da Poveri ma belli, dai Soliti ignoti, da Rocco e i suoi fratelli, ma non era nato ricco, sapeva cosa vuol dire lavorare ed era pronto a qualunque cosa. Si impegnava molto, era generoso, aveva davvero una ‘bella grinta’ […]. La cosa curiosa, a ripensarci, è che il film venne invitato al festival di Berlino, con grande sorpresa per tutte le cosiddette ‘major’ italiane, e andò pure molto bene, vincendo il premio speciale della giuria e il premio del Senato.

Giuliano Montaldo in Alberto Crespi, Dal Polo all’equatore. I film e le avventure di Giuliano Montaldo, Marsilio, Venezia 2005

Cast and Credits

Sog.: Lucio Battistrada, Armando Crispino, Gaetano ‘Giuliani’ De Negri. Scen.: Lucio Battistrada, Giuliano Montaldo. F.: Erico Menczer. M.: Attilio Vincioni. Scgf.: Hanzin Axerio. Mus.: Piero Umiliani. Int.: Renato Salvatori (Ettore Zambrini), Norma Benguell (Luciana Zambrini), Antonio Segurini (Marco), Marina Malfatti (amica di Luciana), Dino Fontanesi, Raffaele Triggia, Iginio Marchesini, Gino Agostini, Enrico Rame, Giuliano Montaldo. Prod.: Gaetano ‘Giuliani’ De Negri per Ager Film, Clodio Cinematografica. DCP. Bn.