Dom

25/07

Arena del Sole > 21:30

MY COUSIN

Edward José

Accompagnamento musicale dal vivo di Daniele Furlati (pianoforte), François Laurent (chitarra) e Guido Sodo (voce e mandolino)

Info sulla
Proiezione

Domenica 25/07/2021
21:30

Sottotitoli

Versione originale con sottotitoli

Modalità di ingresso

Tariffe del Festival

Prenota

MY COUSIN

Scheda Film

Nel 1918 Enrico Caruso, curioso sperimentatore dei media, firma un contratto per l’incredibile somma di duecentomila dollari per due film prodotti da Jesse Lasky della Famous Players, My Cousin e The Splendid Romance, oggi perduto. In My Cousin interpreta il duplice ruolo del tenore Caroli e del cugino scultore-figurinaio di Little Italy, con una recitazione per nulla enfatica rispetto agli stilemi del muto. La première, annunciata a ottobre, viene posticipata a novembre, ufficialmente a causa dell’epidemia di Spagnola. Una serie di incongruenze accompagna la delicata fase di lancio di una star tanto costosa da parte della casa che aveva ‘inventato’ lo star system, e spiega perché questo film non compaia nelle storie del cinema.

In una novellizzazione del 15 novembre su “Moving Picture Stories” i nomi dei personaggi non corrispondono a quelli nel film. Due foto di scena sono state ritoccate per restituire i baffi al cugino figurinaio con numeri di catalogazione successivi a quelli del film perduto Splendid Romance. C’è stato dunque un rifacimento nel film. In effetti le prime novellizzazioni presentano il cugino ‘povero’ come un emigrato stereotipato, tutto spaghetti, gelosia e coltelli. Irritato da questa rappresentazione, Caruso è intervenuto trasformando le scenate di gelosia in burle e dilatando il ruolo del figurinaio per farne un tipo bonario dalla vena artistica, usando il proprio carisma contro il pregiudizio antitaliano.

Una trama stereotipata che minava l’adesione empatica del pubblico e una promozione pasticciata che creava persino l’aspettativa di un’esibizione canora del tenore spiegano perché My Cousin si sia rivelato, per stessa ammissione di Lasky, un flop, e sia stato ritirato dalla distribuzione nonostante tutte le recensioni riconoscano al cantante grandi doti di attore. Profonde questioni culturali sono alla base di questo inatteso ‘fallimento’ del debutto di Caruso al cinema, ma la responsabilità di Lasky è evidente: non potendo sfruttare la sua magnifica voce, avrebbe dovuto puntare sul suo eccezionale talento attoriale con un buon soggetto. My Cousin racconta le aspirazioni degli emigrati italiani, ma era il tenore del Metropolitan che la classe media americana voleva vedere, e questo era il pubblico che la Famous Players aveva sperato di attirare ingaggiando Enrico Caruso.
Seppur in ritardo, deve averlo capito anche Lasky: l’ultimo film da lui prodotto sarà Il grande Caruso (1951).

Giuliana Muscio

 

Per il restauro di My Cousin sono stati ispezionati, digitalizzati e comparati cinque elementi provenienti da MoMA – The Museum of Modern Art, BFI National Archive, Gosfil’mofond e EYE Filmmuseum. Il restauro ha utilizzato un duplicato negativo proveniente da MoMA, realizzato a partire da una copia nitrato dello Svenska Filminstitutet con didascalie non originali in svedese. Le didascalie sono state ricostruite a partire da un controtipo negativo di quarta generazione del 1959 proveniente da MoMA.

 

Leggi la recensione su Cinefilia Ritrovata

 

Cast and Credits

Sog., Scen.: Margaret Turnbull. F.: Hal Young. Scgf.: Vincenzo Trotta. Int.: Enrico Caruso (Tommasso Caroli/Cesare Caroli), Carolina White (Rosa Ventura), William Ricciardi (Pietro Ventura), Henry Leone (Roberto Lombardi), William Bray (Ludovico), Salvatore Fucito (il pianista), Bruno Zirato (il segretario). Prod.: Jesse Lasky per Famous Players-Lasky Productions. DCP. Bn.