Dom

23/08

Piazza Maggiore > 21:15

L’AMORE IN CITTÀ / FELLINI DEGLI SPIRITI

Introduce

Anselma Dell’Olio

(In caso di pioggia, la proiezione si sposterà al Cinema Arlecchino e al Cinema Jolly)

Precede

Ritrovati e Restaurati
L’AMORE IN CITTÀ – Episodio Agenzia matrimoniale

Info sulla
Proiezione

Domenica 23/08/2020
21:15

Sottotitoli

Versione originale con sottotitoli

Modalità di ingresso

Tariffe del Festival

AGENZIA MATRIMONIALE (EP. DI L'AMORE IN CITTÀ)

Scheda Film

Secondo gli esperti che adorano le classificazioni, I vitelloni avrebbe chiuso un primo ciclo; e nel 1954 se ne aprirebbe un secondo, composto da La strada, Il bidone, Le notti di Cabiria. “Nel breve intervallo” ricorda Tullio Kezich “il regista gira, un po’ per divertimento e quasi per scommessa, un breve intermezzo in un film a episodi intitolato L’amore in città. L’ideatore e animatore del progetto è Cesare Zavattini, profeta instancabile di un neorealismo intransigentemente realistico, un cinema-verità ante litteram”. […] All’iniziativa aderiscono, oltre a Fellini, Carlo Lizzani, Dino Risi, Michelangelo Antonioni, Alberto Lattuada, Citto Maselli. “Convinto com’è che bisogna inventare tutto, Federico Fellini – non ha mai condiviso le teorie puriste zavattiniane – sceglie la chiave di un racconto finto-vero”. Un giornalista cinico vuole svolgere un’inchiesta su un’agenzia matrimoniale, una di quelle bottegucce dove si compra una sistemazione. “Quello che sto per raccontare è un fatto vero” assicura la voce over. “Qualcuno mi dette un indirizzo, trovai un palazzone vecchissimo, in un quartiere della vecchia Roma, quasi tra le soffitte”. Senza averne l’aria, questo cortometraggio a molti sembrerà un piccolo capolavoro di spontaneità e intelligenza. “Il personaggio di Rossana” osserva Renzo Renzi “è illuminato con un eccezionale pudore, superando i limiti del ridicolo che la sua goffa presenza, il suo difetto di pronuncia, i suoi calcoli per il futuro proponevano continuamente”. Quel personaggio naïf ovviamente anticipa la Gelsomina di La strada.

Aldo Tassone, Fellini 23½. Tutti i film, Edizioni Cineteca di Bologna, Bologna 2020

Conoscevo Zavattini fin dai tempi del “Marc’Aurelio”. Mi disse che voleva qualcosa nello stile giornalistico di certi film americani dell’epoca. Si pretendeva che fossero documenti drammatici, mentre in realtà erano pura invenzione. I vitelloni era stato criticato dalla stampa che simpatizzava per il neorealismo. Mi si accusava di essere ‘sentimentale’ e ne fui irritato. Poiché Zavattini mi dava questa opportunità stabilii di girare un cortometraggio nello stile più neorealistico possibile, con una storia che in nessun caso poteva essere vera, neanche ‘neo-vera’. Pensavo: “Cosa farebbero James Whale o Tod Browning se dovessero girare Frankenstein o Dracula in stile neorealista?”. È così che nacque Agenzia matrimoniale.

Federico Fellini, L’avventurosa storia del cinema italiano. Da Ladri di biciclette a La grande guerra, a cura di Franca Faldini e Goffredo Fofi, Edizioni Cineteca di Bologna, Bologna 2011 

Cast and Credits

Sog.: Federico Fellini. Scen.: Federico Fellini, Tullio Pinelli. F.: Gianni Di Venanzo. M.: Eraldo Da Roma. Scgf.: Gianni Polidori. Mus.: Mario Nascimbene. Int.: Antonio Cifariello (il giornalista), Livia Venturini (Rossana), Ilario Maraschini (il proprietario dell’agenzia). Angela Pierro (la direttrice dell’agenzia), Rita Andreana, Lia Natali. Prod.: Riccardo Ghione, Marco Ferreri per Faro Film. DCP. Bn.

FELLINI DEGLI SPIRITI

Scheda Film

Profondamente innamorato della vita, Fellini ha attraversato la sua esistenza cercandone sempre il senso. Il documentario indaga in profondità la sua passione per quello che lui definiva, in breve, il mistero, l’esoterico, il “mondo non visto”, in una ricerca incessante di altre possibilità, altre dimensioni, altri viaggi e di tutto quello che può far volare lo spirito e la mente. Questi aspetti, presenti in tutta la sua cinematografia, sono stati suo oggetto d’indagine inizialmente con il grande psicoanalista junghiano Ernst Bernhard, che non solo gli ha svelato i segreti dell’Inconscio, ma gli ha anche mostrato una nuova visione del mondo attraverso la lettura dei Tarocchi e la consultazione degli I Ching. Ma sarà l’incontro con il professor Gustavo Rol, conosciuto per Giulietta degli spiriti, che, attraverso i suoi esperimenti, gli proverà che esistono davvero altre dimensioni e che non c’è un termine al viaggio degli esseri umani. A raccontare il mondo magico di Fellini tante voci, dalla cartomante che il regista consultava sempre a Terry Gilliam, da Giuditta Mascioscia, la sensitiva amica di Gustavo Rol, al regista Damien Chazelle, dai collaboratori e amici più stretti di Fellini a registi premi Oscar come William Friedkin. Attraverso straordinari materiali d’archivio di Rai Teche, Istituto Luce e altre istituzioni internazionali, le immagini dei suoi film e interviste agli studiosi che più hanno approfondito il suo lavoro, Fellini degli spiriti è un ritratto inedito, intimo e spirituale del grande regista.  

Cast and Credits

Sog., Scen.: Anselma Dell’Olio. Prod.: Mad Entertainment, Rai Cinema, Walking the Dog, Arte, Rai Com. DCP.