Gio

30/06

Cinema Arlecchino > 18:00

DOLGIE PROVODY

Kira Muratova
Introduce

Peter Bagrov (George Eastman Museum)

Info sulla
Proiezione

Giovedì 30/06/2022
18:00

Sottotitoli

Versione originale con sottotitoli

Modalità di ingresso

Tariffe del Festival

Prenota

DOLGIE PROVODY

Scheda Film

La divorziata Evgenija Vasilevna, brillantemente interpretata da Zinaida Šarko, ha trascorso quindici anni alla stessa scrivania lavorando come traduttrice tecnica. È ugualmente incastrata nella routine impostale dal suo ruolo di madre, dato che si rifiuta di ammettere chesuo figlio Saša è cresciuto e per molti versi si rifiuta lei stessa di crescere. […] Muratova sottopone la sua protagonista a uno sguardo gelido e penetrante che rivela i suoi peggiori difetti. Ma, come la Valentina di Korotkie vstreči, Evgenija non è una caricatura. Šarko ce la rende sufficientemente simpatica da farci rabbrividire per l’imbarazzo quando tormenta in pubblico Saša perché si pulisca le unghie, o corrompe un postino per leggere le lettere che Saša riceve dal padre. […] Il tema del rapporto genitore/figlio è trattato in maniera interessante e per certi versi insolita. La sceneggiatura incoraggia a essere più accomodanti, più attenti, più umani. Aleksandr Zarchi, unveterano della regia, scrisse di Evgenija Vasilevna: “A prima vista sembra banale e sgradevole, ma poi scopriamo in lei emozioni veramente forti nei confronti di suo figlio, e spessore umano”. Lo sceneggiatore Michail Blejman aggiunse: “Ci siamo abituati troppo al fatto che un film e una sceneggiatura siano ‘su’ qualcosa. E restiamo un po’ perplessi dinanzi a una sceneggiatura che parla semplicemente della vitasenza mettere in primo piano un ‘problema’”. […] Muratova aveva quasi finito il film quando, il 2 marzo 1971, ricevette un minaccioso telegramma dal capo di Goskino che la convocava a Mosca. Dopo aver visionato il materiale girato, il comitato editoriale richiese sostanziali modifiche […]. La richiesta principale riguardava la protagonista, “che ancora in diverse scene è priva di fascino, di simpatia per gli altri, di un carattere pienamente ammirevole”. […] Le otto richieste illustrano l’ossessione dei burocrati per gli elementi non abbastanzaallegri e ottimisti. […] Durante i sedici anni in cui non poté essere distribuito, Dolgie provody fu regolarmente mostrato agli studenti del VGIK, a Mosca, dove influenzò un’intera nuova generazione di cineasti sovietici.

Jane Taubman, Kira Muratova, I.B Tauris, New York 2005

Cast and Credits

Scen.: Natalija Rjazanceva. F.: Gennadij Karjuk. M.: Valentina Olejnik. Scgf.: Enrique Rodríguez. Mus.: Oleg Karavajčuk. Int.: Zinaida Šarko (Evgenija Vasilevna), Oleg Vladimirskij (Saša Ustinov), Jurij Kajurov (Nikolaj Sergeeevič), Svetlana Kabanova (Tat’jana Karceva), Lidja Dranovskaja (Vychodceva), Viktor Il’čenko (Pavel Konstantinovič). Prod.: Grigorij Kogan per OdessaFilm Studio. DCP. D.: 97’. Col.