Gio

27/08

Teatro Auditorium Manzoni > 16:40

THE STRANGE LOVE OF MARTHA IVERS

Lewis Milestone

Info sulla
Proiezione

Giovedì 27/08/2020
16:40

Sottotitoli

Versione originale con sottotitoli

Modalità di ingresso

Tariffe del Festival

THE STRANGE LOVE OF MARTHA IVERS

Scheda Film

Nascita di una dark lady, in una notte piena di pioggia. Poco più che bambina, Martha uccide l’odiosa e ricca zia con un colpo di bastone, lo stesso bastone che la vecchia stava usando per sopprimere un gattino. Accanto c’è un ragazzino tremebondo. Fine dell’infanzia, condivisione d’un segreto, e conquista di un’eredità. Diciotto anni dopo, Martha è diventata Barbara Stanwyck, fiera capitana d’industria e trenta volte più ricca della zia. La città dove tutto accadde porta il suo nome e si chiama Iverstown, e anche se non è cupa e sguaiata come la Pottersville sgorgata dall’incubo del James Stewart di La vita è meravigliosa (stesso anno, 1946, la guerra è finita e qualcuno al ritorno ha trovato un paese sconosciuto), certo non è un posto ameno, con i suoi gasometri e i suoi altiforni; e Martha, sposata a quel ragazzino oggi avvocato e alcolista (Kirk Douglas, valorosamente miscast), non è una donna felice. Noir, melodramma e woman’s film, Martha Ivers è pervaso dal malessere e dalla minaccia che abitano tanti film americani di quegli anni: ovvero dal sospetto che i pilastri della società, capitale e matrimonio, trovino le loro fondamenta nella rimozione d’un delitto. Eppure la macchina narrativa di Martha Ivers è insolita. Qualcosa sembra non tornare. Riappare l’amore adolescente di Martha, antico compagno di tante fughe mancate, e ci aspettiamo che la passione riaccesa si inerpichi su qualche cima tempestosa. Ma sarà che Van Heflin, con la sua faccia da giocatore senza fortuna, conosce abbastanza il mondo da non aver più la voglia di fingersi un Heathcliff… e presto ci accorgiamo che tutto ci sta portando verso un’altra storia, un’altra coppia, quella intravvista non appena Lizabeth Scott ha mostrato il musetto luminoso e le lunghe gambe, seduta accanto alla sua valigia sulle scale d’un pensionato per ragazze sole. Se come vuole chiacchiera hollywoodiana andò così perché il potente Hal B. Wallis era innamorato di Scott e volle darle di giorno in giorno più rilievo e primi piani, resta il fatto che è soprattutto per questo sinuoso détour narrativo che Martha Ivers è un film memorabile. La Paramount mise in campo la miglior squadra che la Hollywood del 1946 potesse schierare, primi tra tutti Victor Milner e Hans Dreier, e pur di malumore Lewis Milestone coordinò tutto con eleganza: benvenuto e rigenerante dunque un restauro che sappia restituirci quelle lame di luce su pareti di mogano, i visi scontornati nel buio e nella disperazione, il vorticare di capelli biondi nel vento d’una fuga finalmente riuscita.

Paola Cristalli

Cast and Credits

Sog.: da una storia originale di John Patrick. Scen.: Robert Rossen. F.: Victor Milner. M.: Archie Marshek. Scgf.: Hans Dreier, John Meehan. Mus.: Miklos Rozsa. Int.: Barbara Stanwyck (Martha Ivers), Van Heflin (Sam Masterson), Lizabeth Scott (Toni Maracek), Kirk Douglas (Walter O’Neill), Judith Anderson (Miss Ivers), Roman Bohnen (Mr. O’Neill), Darryl Hickman (Sam da ragazzo), Janis Wilson (Martha da ragazza), Ann Doran (Bobbi St. John), Frank Orth (impiegato dell’hotel). Prod.: Hal Wallis Productions. DCP. Bn.