Mar

26/06

Cinema Arlecchino > 21:30

THE PRODUCERS

Mel Brooks
(In caso di pioggia, la proiezione si sposterà al Cinema Jolly e sostituirà la proiezione serale)

Info sulla
Proiezione

Martedì 26/06/2018
21:30

Sottotitoli

Versione originale con sottotitoli

Modalità di ingresso

Tariffe del Festival

THE PRODUCERS

Scheda Film

“I miei film si librano al di sotto della volgarità”, recita un frase attribuita a Mel Brooks. Nessuno dei suoi film la illustra meglio di questo suo esordio, il grande successo che gli valse un Oscar per la migliore sceneggiatura originale e, oltre tre decenni dopo, fu rifatto prima come musical di Broadway (dallo stesso Brooks) e poi come film (diretto da Susan Stroman) tratto dal musical. Eppure era stato giudicato dalla Embassy Pictures inadatto alla distribuzione a causa del suo cattivo gusto e aveva ottenuto una poco beneaugurante anteprima a Pittsburgh. La sua seconda vita iniziò quando Peter Sellers – che avrebbe dovuto interpretare il protagonista Max Bialystock ma si era tirato indietro – vide il film in privato e comprò uno spazio pubblicitario su “Variety” per esigere una distribuzione più ampia.
I protagonisti eponimi, Bialystock (Zero Mostel) e Leo Bloom (Gene Wilder) – rispettivamente un pomposo gigolo costretto a sedurre vecchiette per convincerle a investire nelle sue disastrose produzioni di Broadway e un isterico e impacciato contabile – decidono di librarsi al di sotto della volgarità e di fare un sacco di soldi producendo un orrendo, costoso e offensivo spettacolo destinato a sicuro insuccesso in modo da incassare molti soldi per la produzione, impiegarne solo una parte e intascare il resto. Solo che Springtime for Hitler si rivela un successo satirico strepitoso. Ironicamente, da allora le battute di cattivo gusto su Hitler sono considerate così irresistibili che oggi il pubblico può trovare più offensivi gli stereotipi sessisti e omofobi (mentre la satira sui figli dei fiori sembrava fuori luogo perfino nel 1968).
Mel Brooks, probabilmente il più ebreo degli autori e registi americani nella gioiosa adozione di un immaturo eccesso di stile e di contenuto capace di citare Joyce e a Kafka in mezzo a uno slapstick aggressivo, popolare e alla buona, imposta qui il modello per le interpretazioni sfatte e i numeri musicali sfarzosamente esuberanti dedicati a vari tipi di atrocità in tanti dei suoi film futuri. E in ultima analisi quel che più affascina del suo primitivo professionismo è proprio la dimensione meno professionale.

Jonathan Rosenbaum

Cast and Credits

Scen.: Mel Brooks. F.: Joseph Coffey. M.: Ralph Rosenblum. Scgf:: Charles Rosen. Mus.: John Morris. Int.: Zero Mostel (Max Bialystock), Gene Wilder (Leo Bloom), Dick Shawn (Lorenzo St. Du Bois), Kenneth Mars (Franz Liebkind), Estelle Winwood (la vecchietta “stringimi e straziami”), Christopher Hewett (Roger De Bris), Andreas Voutsinas (Carmen Giya), Lee Meredith (Ulla), Renee Taylor (Eva Braun). Prod.: Sidney Glazier per Springtime Productions, Crossbow Productions. DCP. D.: 88’. Col.