Innocence Unprotected. A New Edition Of A Good Old Movie

Dusan Makavejev


Tit. Or.: “Nevinost Bez Zastite”; F.: Branko Perak, Stevan Miskovic; Int.: Dragoljub Aleksic, Ana Milosavljevic, Bartoljub Grigorijevic; 35mm. D.: 78’. Col.
info_outline
T. it.: Titolo italiano. T. int.: Titolo internazionale. T. alt.: Titolo alternativo. Sog.: Soggetto. Scen.: Sceneggiatura. Dial.: Dialoghi. F.: Direttore della fotografia. M.: Montaggio. Scgf.: Scenografia. Mus.: Musiche. Int.: Interpreti e personaggi. Prod.: Produzione. L.: lunghezza copia. D.: durata. f/s: fotogrammi al secondo. Bn.: bianco e nero. Col.: colore. Da: fonte della copia

Scheda Film

Innocence Unprotected si apre con un’introduzione scherzosa tipica di Makavejev: “Un bel vecchio film in una nuova produzione ordinata, decorata e arricchita da commenti”. Il piacere del regista nell’introdurre scene di altri film viene qui portato fino all’estremo. Il primo Innocence Unprotected era un potboiler realizzato clandestinamente durante l’occupazione nazista dal fabbro e acrobata Dragoljub Aleksic, che è anche interprete. La storia è incentrata su una donna che odia la figliastra e la vuole fare sposare con un uomo che la ragazza non ama. Il film originale fu un grande successo, e viene considerato il primo lungometraggio in lingua serba, ma gli spettatori oggi saranno catturati dalla combinazione dell’ego smisurato di Aleksic (le sue gesta acrobatiche, bandite dai nazisti, occupano buona parte della pellicola) e delle bizzarre “decorazioni” apportate da Makavejev. (Gary Morris)

 

Copia proveniente da