Black Roots

Lionel Rogosin

F.: J. Robert Wagner. Mo.: Ruth Schell. Int.: Jim Collier, Gary Davis, Larry Johnson, Florynce Kennedy. Prod.: Lionel Rogosin DCP. D.: 56’. 

info_outline
T. it.: Titolo italiano. T. int.: Titolo internazionale. T. alt.: Titolo alternativo. Sog.: Soggetto. Scen.: Sceneggiatura. Dial.: Dialoghi. F.: Direttore della fotografia. M.: Montaggio. Scgf.: Scenografia. Mus.: Musiche. Int.: Interpreti e personaggi. Prod.: Produzione. L.: lunghezza copia. D.: durata. f/s: fotogrammi al secondo. Bn.: bianco e nero. Col.: colore. Da: fonte della copia

Scheda Film

Dopo Come Back, Africa, On the Bowery e Good Times, Wonderful Times, il progetto di recupero dell'opera di Lionel Rogosin giunge con Black Roots al suo quarto ca­pitolo. Come per i film precedenti, Rogosin non si adagia su schemi precostituiti, ma reinventa ancora una volta le forme del suo cinema, nella convinzione che ogni opera sia una sorta di organismo unico, nutrito da luoghi, persone e storie peculiari. Quel­la che rimane immutata è la necessità ur­gente di calare il cinema nelle pieghe più distorte della contemporaneità, per far vi­brare una presa di posizione netta contro le derive fasciste, repressive e distruttive del nostro vivere sociale. Black Roots fa conversare a briglia sciolta cinque afroa­mericani attorno al tavolo di un caffè: tra ricordi familiari, osservazioni sul presente e precise volontà di rovesciare le ingiusti­zie, emerge un quadro potentissimo dove si intersecano orgoglio nero, rabbia, scora­mento, buonumore, combattività e bellez­za. Siccome i personaggi in questione sono anche musicisti eccezionali, e si prestano a lunghe performance improvvisate, il film è anche l'occasione per ascoltare ottima musica che affonda le proprie radici nella cultura dei neri d'America.
(Andrea Meneghelli)

 

Copia proveniente da

Restaurato digitalmente da Cineteca di Bologna e Rogosin Heritage Inc. presso il laboratorio L’Immagine Ritrovata a partire da un internegativo 16mm e da un negativo suono conservati presso Anthology Film Archives, New York