Ven

23/07

Cinema Arlecchino > 21:30

SHANE

George Stevens

Info sulla
Proiezione

Venerdì 23/07/2021
21:30

Sottotitoli

Versione originale con sottotitoli

Modalità di ingresso

Tariffe del Festival

Prenota

SHANE

Scheda Film

Definito “il western più puro”, con la sua lirica combinazione di grandezza e intimità è un capolavoro epocale che demistifica il West ma ne conser va il romanticismo. Mentre tornava a casa dopo la liberazione di Dachau, Stevens vide dei bambini tedeschi sparare con pistole di legno mentre giocavano ai cowboy. Quell’immagine, dopo le recenti esperienze, lo convinse a spogliare di ogni fascino la pistola per mostrarne la vera natura, cieca e distruttiva. Shane divenne il film di guerra che avrebbe voluto fare sin dal 1945: non un tipico film di genere, coi suoi costumi e accessori, ma un modo per tastare il polso al tipo di violenza che la guerra giustificava. Narrata dal punto di vista di un bambino, la storia si concentra su Shane, pistolero dai modi principeschi che scende in una vallata dove sorge un ranch. Il proprietario di quell’Eden fangoso, Joe Starrett, il cui figlioletto è affascinato da Shane, gli offre un lavoro. Di fronte alle intimidazioni e alla violenza micidiale degli allevatori locali, i fratelli Ryker, e dei loro scagnozzi, lo scontro appare inevitabile. Shane era tratto da un romanzo del giornalista Jack Schaefer, primo di una serie di western scritti senza aver mai visto il West di persona. Stevens, molto scontento dei dirigenti della Paramount, era attratto dalla storia anche perché gli avrebbe permesso di girare lontano dalle interferenze degli studios. Il Premio Pulitzer A.B. Guthrie scrisse la sceneggiatura, mentre Jean Arthur appare nel suo ultimo ruolo cinematografico. Per le parti di Shane e Joe Starrett si pensò inizialmente a Montgomery Clift e a William Holden, ma furono preferite l’interpretazione laconica di Alan Ladd e quella sanguigna di Van Heflin. Le riprese iniziarono nell’estate del 1951, direttore della fotografia Loyal Griggs (destinato a vincere un Oscar per il suo lavoro), e il film giunse sugli schermi nell’aprile del 1953 riscuotendo ampio consenso. Da allora è stato, più che un semplice western, una pietra miliare della cultura americana. Una copia del film fu perfino chiesta dal Presidente Eisenhower per mostrarla a Nikita Chruščëv, anche se pare improbabile che i due leader mondiali abbiano colto la sua cruda verità sulla civilizzazione: la necessità di uccidere per smettere di uccidere.

Ehsan Khoshbakht

Cast and Credits

Sog.: dal romanzo omonimo (1949) di Jack Schaefer. Scen.: A.B. Guthrie Jr. F.: Loyal Griggs. M.: William Hornbeck, Tom McAdoo. Scgf.: Hal Pereira, Walter Tyler. Mus.: Victor Young. Int.: Alan Ladd (Shane), Jean Arthur (Marian Starrett), Van Heflin (Joe Starrett), Brandon de Wilde (Joey Starrett), Jack Palance (Jack Wilson), Ben Johnson (Chris Calloway), Edgar Buchanan (Fred Lewis), Emile Meyer (Rufe Ryker), Elisha Cook Jr. (Stonewall Torrey), Douglas Spencer (Shipstead). Prod.: George Stevens per Paramount Pictures. DCP.