Dom

25/07

Cinema Jolly > 15:30

Komiya Collection – Corpo e anima, performance ed espressione

Accompagnamento al piano di

Donald Sosin e alla batteria di Frank Bockius

“Splendida!” pensiamo quando la diva Francesca Bertini offre il bellissimo viso, nel close-up riflesso in uno specchio, agli occhi adoranti di chi la guarda. Se il frammento (forse di Lacrimae rerum) ci piace tanto, è anche perché risponde a un’idea moderna di recitazione ideale. Oggi ci aspettiamo che gli attori ‘vivano’ le parti che interpretano, si immergano nell’esperienza dei loro personaggi, recitino ‘da dentro’ per raggiungere l’espressione autentica di una realtà simulata, per convincere il pubblico che stanno davvero provando le emozioni che comunicano. Questo gioco di simulazione dura da così tanto tempo che ci sembra ormai perfettamente ‘naturale’. Spesso gli attori dei film più antichi ci sembrano ‘innaturali’, ma sono in realtà esperti interpreti di un gioco basato su altre regole e altri modi di comunicazione (che il pubblico dell’epoca, naturalmente, capiva a perfezione).
È sorprendente come la loro recitazione ci appaia sempre più comprensibile e sofisticata mano a mano che rivediamo i film, facendo attenzione alle loro particolari modalità comunicative. Basati sulla performance corporea e sulla coreografia, i film di comici come Marcel Favre (Robinet), Ferdinand Guillaume (Tontolini-Polidor) e Giuseppe Gambardella (Checco), di mimi come Stacia Napierkowska e di attori brillanti come Gigetta e Rodolfi possono essere apprezzati al meglio se li pensiamo come una forma di teatro-danza. Con i forzuti il tipo atletico del body artist italiano divenne popolare in tutto il mondo. Di gran lunga il più attraente e interessante tra i vari Maciste, Galaor e Sansone è Mario Guaita-Ausonia. Che gioia scoprire e identificare nella collezione Komiya un frammento (quindici minuti, non male) del suo (dato per) perduto Atlas, del 1920! Sappiamo che al Museo Nazionale del Cinema esiste una versione restaurata e più completa della Signora delle camelie, ma abbiamo voluto presentare i frammenti in decomposizione di questo film con la Bertini e di Chiffonnette rinvenuti nella collezione Komiya per offrire la mistica esperienza visiva dei film sul limitare della non-esistenza.

Mariann Lewinsky

Info sulla
Proiezione

Domenica 25/07/2021
15:30

Sottotitoli

Versione originale con sottotitoli

Modalità di ingresso

Tariffe del Festival

Prenota

LE MIRACLE DES FLEURS

Regia: René Leprince
Anno: 1912
Paese: Francia
Durata: 15'
Versione del film

Didascalie inglesi

Audio
Muto
Edizione
2021

N. 5616 [FRAMMENTO DEUTSCHE BIOSKOP. UNA COPPIA E UNA PISTOLA]

Anno: 19??
Paese: Germania
Durata: 2'
Versione del film

Didascalie inglesi

Audio
Muto
Edizione
2021

ATLAS. EPISODIO 2: ACCUSA D’OLTRE TOMBA

Regia: Mario Guaita-Ausonia, Renée Deliot
Anno: 1920
Paese: Italia
Durata: 15'
Versione del film

Didascalie inglesi

Audio
Muto
Edizione
2021

[LACRIMAE RERUM]

Regia: Giuseppe De Liguoro
Anno: 1916
Paese: Italia
Durata: 3'
Versione del film

Didascalie inglesi

Audio
Muto
Edizione
2021

ROBINET INNAMORATO DI UNA CHANTEUSE

Regia: Marcel Fabre
Anno: 1911
Paese: Italia
Durata: 2'
Versione del film

Didascalie inglesi

Audio
Muto
Edizione
2021

UNO È DI TROPPO

Regia: Eleuterio Rodolfi
Anno: 1913
Durata: 6'
Versione del film

Didascalie inglesi

Audio
Muto
Edizione
2021

CHIFFONNETTE

Regia: Ubaldo Pittei
Anno: 1916
Paese: Italia
Durata: 5'
Versione del film

Didascalie inglesi

Audio
Muto
Edizione
2021

L’AGENTE TONTOLINI E IL SUO COMMISSARIO

Anno: 1911
Paese: Italia
Durata: 6'
Versione del film

Didascalie inglesi

Audio
Muto
Edizione
2021

LA SIGNORA DELLE CAMELIE

Regia: Gustavo Serena
Anno: 1915
Paese: Italia
Durata: 12'
Versione del film

Didascalie inglesi

Audio
Muto
Edizione
2021