Ven

30/06

Auditorium - DAMSLab > 16:00

BLOW UP DI BLOW UP

Valentina Agostinis
Introduced by

Valentina Agostinis

Info sulla
Proiezione

Venerdì 30/06/2017
16:00

Sottotitoli

Versione originale con sottotitoli

Modalità di ingresso

Tariffe del Festival

BLOW UP DI BLOW-UP

Scheda Film

Il film capolavoro di Michelangelo Antonioni Blow-up compie cinquant’anni. Il documentario ricostruisce attraverso alcuni testimoni il percorso del regista nella Londra del 1966 durante la lavorazione del suo film. Parlano, tra gli altri, il suo ex assistente ai dialoghi Piers Haggard, allora alla sua prima esperienza nel cinema, prima di diventare un prolifico regista; il fotografo David Montgomery, celebre per i suoi scatti ai grandi protagonisti del rock, tra cui gli Who, i Rolling Stones, Jimi Hendrix, e nel cui studio Antonioni si recò per osservare da vicino le tecniche della fotografia di moda; la modella Jill Kennington, tra le più fotografate della scena londinese, che prese parte a una delle più famose sequenze di Blow-up. E parlano anche alcuni protagonisti della controcultura londinese dei Sixties, come lo scrittore Barry Miles, fondatore della galleria-libreria Indica e del giornale underground “International Times”; l’amica di allora, la regista e sceneggiatrice Clare Peploe, Simon Napier-Bell, l’ex manager degli Yardbirds, la band che compare nel film. E inoltre studiosi, collezionisti e veri e propri fan del film che negli ultimi anni hanno scoperto dettagli importanti della sua realizzazione. Il documentario rivisita anche le principali location di Blow-up, tra cui lo studio in cui furono girate le scene con le modelle e il parco dove si svolge la celebre sequenza fotografica con David Hemmings e Vanessa Redgrave e la partita a tennis finale. Tutte rivivono attraverso le bellissime foto di scena custodite nel Fondo Antonioni.

Cast and Credits

Int.: Piers Haggard, David Montgomery, Jill Kennington, Barry Miles, Clare Peploe, Simon Napier-Bell (se stessi). Prod.: Minimum Fax Media in collaborazione con il Fondo Michelangelo Antonioni. DCP. D.: 52’. Col.