Sab

02/07

Cinema Lumière - Sala Scorsese > 14:30

AŽ PŘIJDE KOCOUR

Vojtěch Jasný
Introduce

Jonáš Kucharský

Info sulla
Proiezione

Sabato 02/07/2022
14:30

Sottotitoli

Versione originale con sottotitoli

Modalità di ingresso

Tariffe del Festival

Prenota

AŽ PŘIJDE KOCOUR

Scheda Film

Scoperto nel 1963 dal 16° Festival di Cannes, Až přijde kocour di Vojtěch Jasný fu considerato uno dei principali eventi di quell’edizione. Anche se non ricevette il premio più importante (la Palma d’Oro andò a Il Gattopardo di Visconti), il film vinse ben tre riconoscimenti, tra cui il Premio Speciale della Giuria. Il nome di Vojtěch Jasný non era sconosciuto al festival. Il regista vi aveva partecipato nel 1959 con Touha (Desiderio), un film antologico in cui le diverse storie corrispondono tematicamente alle quattro stagioni. Il ‘quartetto della vita umana’ era stato girato in bianco e nero e in formato Academy. Až přijde kocour fu invece il primo film a colori e panoramico di Jasný, che usò il colore non per creare un’imitazione meccanica della realtà ma per donarle un ulteriore livello di senso e amplificare il messaggio dell’opera. Questo utilizzo era incoraggiato dal genere: un fiaba moderna con elementi satirici e morali. Il ‘personaggio’ chiave è un gatto magico, il cui sguardo fa sì che le persone cambino colore a seconda delle loro qualità e delle loro azioni. I bugiardi diventano viola, i ladri grigi, gli infedeli gialli e gli innamorati rossi. Quando il film uscì, gli spettatori e la critica diedero per scontato che la colorizzazione fosse frutto di procedimenti chimici. Era vero solo in parte. L’effetto fu perfezionato dai costumi e dalle maschere degli attori, nonché dalla fotografia di Jaroslav Kučera, il cui talento emerge anche nelle scene meno spettacolari, quando sottolinea la bellezza della campagna ceca e la grazia fotogenica della città di Telč (il cui centro storico in stile rinascimentale è Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO). Con questo film Jasný confermò il proprio lirismo, che sapeva unire ricordi d’infanzia e allegoria sociale. L’eccellente cast ceco è dominato da Jan Werich in un doppio ruolo: quello del castellano/narratore e quello del mago/proprietario del gatto magico. L’attore si distinse per l’impegno politico e civile e fu un elemento di disturbo per il regime totalitario.

Tomáš Hála

Cast and Credits

Sog.: Vojtěch Jasný. Scen.: Jiří Brdečka, Vojtěch Jasný, Jan Werich. F.: Jaroslav Kučera. M.: Jan Chaloupek. Scgf.: Oldřich Bosák. Mus.: Svatopluk Havelka. Int.: Jan Werich (castellano Oliva/mago), Emilie Vašáryová (Diana), Vlastimil Brodský (maestro Robert), Jiří Sovák (direttore Karel), Vladimír Menšík (bidello), Jiřina Bohdalová (maestra Julie), Karel Effa (Janek), VlastaChramostová (Marjánka), Alena Kreuzmannová (pettegola), Stella Zázvorková (Růžena, moglie del direttore). Prod.: Filmové studio Barrandov. DCP. D.: 105’. Col.