A POET FROM THE SEA

Y. Hou

R.: Y. Hou. Art Titles:C.Y. Van, H.Y.Tong, S.D. Per. In.: Y. Hou, M. Tsong, D.D. Lee. P.: China Sun Motion Picture Co, Shanghai. L.: 550m., D.: 23’ a 20fs.

info_outline
T. it.: Titolo italiano. T. int.: Titolo internazionale. T. alt.: Titolo alternativo. Sog.: Soggetto. Scen.: Sceneggiatura. Dial.: Dialoghi. F.: Direttore della fotografia. M.: Montaggio. Scgf.: Scenografia. Mus.: Musiche. Int.: Interpreti e personaggi. Prod.: Produzione. L.: lunghezza copia. D.: durata. f/s: fotogrammi al secondo. Bn.: bianco e nero. Col.: colore. Da: fonte della copia

Scheda Film

“Il poeta Bing declama i propri versi sugli scogli, davanti al mare. È convinto che solo un ritorno alla natura possa fargli recuperare la libertà innata. Per questo, quando i contadini gli chiedono perché getti in mare i suoi magnifici versi, egli risponde che solo il mare può comprenderlo. Per questo, quando gli dicono che il posto adatto a un grande poeta come lui è la città con i suoi onori e lussi, egli risponde che preferisce la sincera desolazione della campagna. Appare una giovane contadina, subito notata da alcuni alti dignitari dall’aspetto equivoco. Difficile dire cosa accada a questo punto e quanti rulli di film manchino: con ogni probabilità la ragazza viene rapita e condotta per mare. Infatti ritroviamo Bing, divenuto cieco, che passa le sue giornate sugli scogli aspettando che la voce del mare gli porti notizie della sua amata. Ma la giovane è salva e i due possono ricongiungersi: Bing torna a vedere un mondo che, in assenza della donna amata, non valeva la pena di essere visto. Un breve elenco delle cose notevoli di questo frammento: una notevole ironia. Una passione sconfinata per le dissolvenze. Un grandissimo pudore nel seguire la trama principale che spinge il regista a lasciarci intravedere le vicende dei protagonisti attraverso il filtro delle azioni di comprimari (esemplare, in questo senso, l’ultima sequenza in cui il ritrovarsi dei due protagonisti è suggerito quasi sullo sfondo mentre la macchina da presa sembra voler dissimulare il suo interesse, preoccupandosi delle faccende di casa eseguite da un personaggio secondario)”.

Giacomo Manzoli

 

Copia proveniente da