A MARRIED VIRGIN

Joseph Maxwell

R.: Joseph Maxwell Sc.: Hayden Talbot. In.: Vera Sisson (Mary McMillan), Rodolfo di Valentini (Conte Roberto di San Fraccini), Frank Newberg (Douglas McKee), Kathleen Kirkham (signora McMillan), Edward Jobson (John McMillan) P.: Maxwell Productions. D.: State Rights/General Film Co. Fidelity Pictures Co. L.: 1452 m. D.: a 18 f/s

info_outline
T. it.: Titolo italiano. T. int.: Titolo internazionale. T. alt.: Titolo alternativo. Sog.: Soggetto. Scen.: Sceneggiatura. Dial.: Dialoghi. F.: Direttore della fotografia. M.: Montaggio. Scgf.: Scenografia. Mus.: Musiche. Int.: Interpreti e personaggi. Prod.: Produzione. L.: lunghezza copia. D.: durata. f/s: fotogrammi al secondo. Bn.: bianco e nero. Col.: colore. Da: fonte della copia

Scheda Film

“In una dramedy di costumi borghesi, in uno scenario fatto di cavalli, campi da tennis, governanti e colazioni all’aperto, Valentino sembra portare, come per memoria involontaria, una cert’aria decadente da diva-film italiano. Si chiama Conte Roberto di San Fraccini, è un giovane avventuriero, un soldier of fortune (come suggerisce la didascalia) in quel campo di dure battaglie morali e sentimentali che è l’alta borghesia. È anche, naturalmente, un seduttore: amante della moglie di un ricco uomo d’affari, riesce con strategie ricattatorie a farsi sposare dalla figlia, progettando al contempo una fuga con la fedifraga e con i soldi. ‘È un nobile italiano’, si dice di lui al suo ingresso nei salotti e nei giardini d’inverno, con una sorta di reverente curiosità: ed eccolo dunque vestito di bianco, perennemente velato dal fumo della sigaretta, testa lucida di brillantina, scriminatura come un solco, baciamano prolungati ed allusivi, in primissimo piano. Immagine sospesa tra dandysmo e volgarità, un fascino obliquo da vilain latino che certo magneticamente attrae, ma non manca di suscitare, anche, un remoto disprezzo sociale. Valentino, futuro amante destinato a sfumare ogni gradazione del languore e della passione, entra dunque in scena come variante giovane e mediterranea al modello Von Stroheim; e nel conte Fraccini di A married virgin (fasullo, corruttore, seduttore e destinato a una fine miserevole) si può persino intuire una piccola eco pregressa del finto conte russo di Foolish wives”.

Paola Cristalli, Rodolfo Valentino: Lo schermo della passione, Ancona, Transeuropa, 1996

Copia proveniente da