Giocare a torte in faccia nella War Room

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Originariamente Il dottor Stranamore avrebbe dovuto concludersi con una battaglia a torte in faccia in stile Keystone Cops, all’interno della “war room”, la magnifica stanza della guerra ideata dallo scenografo Ken Adam, ricostruita negli studi di Shepperton e ad oggi considerata “uno degli esempi più eccezionali ed evocativi della scenografia cinematografica contemporanea” (John Baxter).

Tuttavia la scena “was too farcical and not consistent with the satiric tone of the rest of the film”, ammise Kubrick. Oltre alle valutazioni stilistiche, poi, una gravissima contingenza di carattere politico e sociale: poco prima dell’uscita del film Kennedy venne assassinato e i produttori del film ritennero opportuno tagliare la scena dell’attacco della torta al presidente.

Ecco il racconto che l’attore Peter Bull (l’ambasciatore sovietico) fa della sequenza tagliata:

“Il dottor Stranamore si concludeva con Peter Sellers, il presidente degli Stati Uniti, ed io seduti sul pavimento, mezzi sprofondati nelle torte di crema, che facevamo castelli cantando ‘For he’s a jolly good fellow’ [Perché è un bravo ragazzo, NdT], e il buon tizio in questione era il sinistro Dr. Strangelove. Questa sequenza venne girata per quasi due settimane e dovette costare diverse centinaia di migliaia di sterline, ma al momento del montaggio Stanley decise che era completamente stonata rispetto al resto del film e, benché fosse straordinariamente divertente ed efficace, decise di tagliarla. Ha dovuto soffrire molto prima di giungere a questa decisione, ma la sua integrità è tale che scommetto ebbe ragione” (I say look here, Peter Bull, 1965, estratto riportato in Kubrick, Michel Ciment, 1999).

Torna all’articolo