26/06/2018

‘The last merchants of Venice’, la storia della famiglia Stucky

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Proiettato domenica 24 giugno all’Auditorium DAMSLab Les Stuky, une fortune à Venise, il documentario dedicato agli “ultimi dogi di Venezia”. Ad introdurre l’opera Gian Luca Farinelli, i due registi Emiland Guillerme e François Rabaté e Lavinia Cavalletti, discendente della famiglia Stucky e autrice del libro La dinastia Stucky 1841 –  1941. Storia del Molino di Venezia e della famiglia, da Manin a Mussolini.

Proprio dalle parole di Lavinia Cavalletti emergono i tratti principali e le ragioni che hanno caratterizzato il recupero della storia degli Stucky. C’è la volontà di tramandare il racconto, di confutare le falsità dette in merito e di far luce su una dinastia che ha vissuto le sue fasi di ascesa e declino a braccetto con le evoluzioni – talvolta tragiche – della storia italiana del tempo.

E questo è esattamente quello che si vedrà all’interno del documentario. Una ricostruzione sapiente che ha affondato le mani in un bacino di fonti immenso e variegato: sono centinaia le fotografie utilizzate e preziosissimi i filmati amatoriali ritrovati capaci di catturare, inesorabilmente, l’interesse dei cinefili hardcore. Girati da Giancarlo Stucky a partire dal 1900, nel formato insolito dei 15mm, con una Pocket Chrono – primissima cinepresa della Gaumont – riescono a restituire allo spettatore le atmosfere ammalianti di una Venezia lontana che ha ancora tanto da dirci.

Ci sono scene di vita quotidiana, di serenità domestica: ci sono i cuginetti di Giancarlo che giocano nel giardino di Villa Stucky, che corrono e con sguardi ora fugaci, ora estremamente coinvolti, provano a guardare negli occhi quel mostro sconosciuto che è la Pocket Chrono. Ma le vicende di Giancarlo, terzo nella discendenza, affascinato da arte e fotografia, e forse il meno avvezzo al mondo degli affari, non sono che l’ultimo atto della tragedia che Guillerme e Rabaté vanno a mettere in scena.

Una tragedia vagamente shakespeariana in cui gli eventi negativi si realizzano a volte nel più rocambolesco dei modi e dispongono la narrazione su una discesa sempre più ripida e buia.
Hans, Giovanni e Giancarlo. Nonno, padre e figlio. Sono i protagonisti di una storia di rapida ascesa sociale squisitamente ottocentesca. Squisitamente romantica. Da semplici artigiani sono diventati la famiglia più ricca e influente di Venezia passando per i moti del ’48, l’esplosione del sogno anarchico, l’ondata di scioperi e la conseguente ondata di camicie nere. Tutti eventi che entrano di prepotenza nella storia degli Stucky: dall’assassinio di Giovanni per mano dell’anarchico Giovanni Bruniera, al fallimento veicolato dai raggiri e dai giochi di potere dell’industria fascista.

Il Molino degli Stucky che dava lavoro a millecinquecento operai oggi è diventato l’Hilton Molino Stucky Venice, in perfetta sintonia con le esigenze voraci del capitalismo. Ma, per citare il regista François Rabaté, nella storia della dinastia Stucky è insita una «dramaturgie naturel» che sa naturalmente travolgere e appassionare lo spettatore.

Orazio Francesco Lella

Nella gallery alcune foto dell’evento