Elvira Notari, Napoli e la musica: intervista a Simona Frasca

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Dalla sezione “Napoli che canta. Omaggio a Elvira Notari e Vittorio Martinelli” del Cinema Ritrovato, la videointervista all’etnomusicologa Simona Frasca su Elvira Notari, la prima regista italiana.“Come notato da altri miei colleghi, una delle letture più significative della Notari è la trasgressione. Nella versione di Murolo, il modello femminile è un modello negativo: Nanninella è un’infame che sparge veleno e si approfitta di due fratelli mettendoli uno contro l’altro. Tutta la comunità del vicolo partecipa contro questa donna tremenda. Questa cosa viene completamente trasformata dalla Notari. Si rifà chiaramente alla canzone e alla sceneggiata – mantenendo infatti lo stesso titolo – ma decide di ritrarre un personaggio femminile positivo, una brava ragazza che si trova invischiata in una situazione terribile. Notari, quindi, non solo trasgredisce, ma è anche molto libera nell’utilizzare i moduli performativi e narrativi tradizionali della canzone e della sceneggiata”. In questo sta l’elemento più contemporaneo della Notari: intelligenza, libertà e sperimentazione.

Ne aveva parlato Laura Girasole nel suo articolo, ora il video integrale dell’intervista a Simona Frasca, realizzato nell’ambito del corso di Alta Formazione ‘Redattore multimediale e crossmediale di festival di cinema’.

Guarda il video: