27/06/2019

Colori e Crimini in Piazzetta Pasolini

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Mercoledì 26 giugno ultima proiezione con lanterna ad arco voltaico in Piazzetta Pasolini per la serata Colori e Crimini.

È una serata molto calda in Piazzetta Pasolini, di quelle che sembrano non tramontare mai. Una piacevolezza tipicamente estiva avvolge questo luogo, divenuto un simbolo delle tante anime che popolano il festival. Risate e parole scandiscono il tempo, la luce ne definisce i contorni.
All’improvviso un venticello sembra rinfrescare l’aria; forse è una suggestione, lasciamo che ci avvolga. Il pubblico occupa le sedie rimaste vuote, le voci si fanno via via più rarefatte. 

La nonna, come viene chiamata dagli addetti ai lavori il leggendario proiettore a carbone, troneggia orgogliosa in mezzo alla piazza e si anima in un modo tutto suo. 
Il fascio di luce dell’arco voltaico si fa strada su un’ombra calata quasi all’improvviso, il rumore di sottofondo accompagna gli spettatori come una nenia, un lieve odore di bruciato riempie delicatamente gli spazi: tutto si mischia creando una sinestesia sensoriale che ci trascina altrove. 

Il silenzio è ora tangibile, reale.
Si interrompe solo per lasciar spazio alla musica del pianoforte, che sembra andare da sola tanto è bella, naturale. Merito del musicista, Donald Sosin, e delle sue note che creano una sinergia magica tra vista e udito.

Le immagini iniziano a scorrere: sullo schermo si susseguono una richiesta di matrimonio andata a male – Mariage : Sortie De L’EgliseArrivee de Sascha GuitryPiqueNique En Ete (1919), un mistery quasi hitchcockiano con tanto di occultamento di cadavere – Creaking Stairs (1919), un divertentissimo corto che crea interazione tra disegni animati e figura umana – Vacation (1924), il clima arabeggiante di Tangeri – Tanger (1919), le peripezie del bandito Zigomar e della sua compagna Rosaria, quasi un’Eva Kant ante litteram Zigomar peau d’anguille (1913).

La magia è cominciata.
Buona proiezione a tutti!

Report di Alice D’Isernia
Nell’ambito del corso di Alta Formazione per redattore multimediale e crossmediale, nel progetto di formazione della Cineteca di Bologna.