30/06/2016

Cinefilia Ritrovata, ‘Édouard et Caroline’

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Édouard è un pianista squattrinato, Caroline una rampolla dell’alta borghesia. Sono una coppia di giovani sposi più innamorati che mai, ma un futile litigio li separa. Vorrebbero riconciliarsi, ma una serie di imprevisti e malintesi li allontana ancora di più, almeno fino all’immancabile happy ending. Questa è l’esile trama di Edouard et Caroline, la seconda commedia sentimentale diretta da Jacques Becker dopo Antoine et Antoinette, e il primo frutto del fortunato sodalizio con la sceneggiatrice Annette Wademant. Intrepretato dai giovani Daniel Gélin e Anne Vernon (la coppia ritornerà a collaborare in Rue de l’Estrapade), il film si svolge tutto nell’arco di una serata, e trova la sua forza nei dialoghi brillanti e sempre più concitati fra i due protagonisti, che battibeccano ininterrottamente per tutta la durata della pellicola. L’umorismo, che è delicato ma straordinariamente efficace, trae i suoi spunti da situazioni di vita quotidiana, e si nutre delle relazioni ambivalenti che si vengono a creare tra i pochi personaggi del film.

Per Becker la vicenda sentimentale è anche un pretesto per riflettere sulla difficoltà dei rapporti fra il ceto popolare e l’alta borghesia: il film muove a quest’ultima una critica bonaria ma puntuale, e un ricevimento dato dalla famiglia di Caroline si trasforma in un’ottima occasione per mettere alla berlina l’alta società parigina, con tutte le sue ipocrisie e contraddizioni. L’ottimismo di Becker è tuttavia evidente, e la riconciliazione finale della coppia suggerisce, se non una vicinanza delle diverse classi sociali, perlomeno una loro possibile convivenza. Édouard e Caroline rappresentano infatti una nuova generazione più aperta e dinamica, che risponde alle rigidità dei propri padri con la tolleranza e la fiducia nel prossimo.

Bertrand Tavernier, che ama i film di Becker di un amore incondizionato, afferma che proprio Becker è il regista francese che meglio aveva assimilato la lezione cinema hollywoodiano. In effetti Édouard et Caroline deve molto alle sophisticated comedy degli anni Trenta e Quaranta, da cui eredita la brillantezza dei dialoghi e la comicità delle situazioni, oltre all’eleganza della regia. Becker dirige questo film con tocco leggero e delicato, e lascia che la macchina da presa segua docilmente i suoi personaggi.

Basato sul modello della commedia hollywoodiana del “ri-matrimonio”, Édouard et Caroline è stato a lungo considerato un’opera minore nella filmografia di Becker, che solo un anno dopo gira il suo film più apprezzato, Casco d’oro. Eppure come spesso nei film del cineasta francese, i toni spensierati e frivoli nascondono un’opera ricca, riuscita e sorprendentemente moderna.

Maria Sole Colombo