#Gian Luca Farinelli

30/06/2018

Nel pomeriggio di venerdì 29 giugno al cinema Arlecchino John Bailey, storico direttore della fotografia e presidente dell’Academy of Motion Pictures, ha presentato, insieme al direttore della Cineteca di Bologna Gian Luca Farinelli, Mishima: A Life in Four Chapters (1985) di Paul Schrader. Il film, di cui Bailey ha diretto la fotografia, è stato proiettato nella recente versione 4k prodotta da Criterion Collection.

Leggi tutto
29/06/2018

Questo pomeriggio Anna Karina, insieme al direttore della Cinémathèque Française Frederic Bonnaud e al direttore della Cineteca di Bologna Gian Luca Farinelli, ha presentato Suzanne Simonin, La Religieuse de Diderot. Il film di Jacques Rivette che la vede protagonista è al Cinema Ritrovato nella sezione Censurati, Ritrovati, Restaurati, proprio in virtù della particolare storia della pellicola, segnata dallo scandalo e dalla censura.

Leggi tutto
27/06/2018

Giovedì 28 giugno presso la Sala Cervi, Alain Bergala, Jean-Michel Frodon, Gian Luca Farinelli e Madeleine Probst discuteranno assieme ad esperti di cinema, docenti, critici ed educatori quali siano le migliori proposte a livello europeo per creare nuove generazioni di spettatori attenti e curiosi.

Leggi tutto
26/06/2018

Proiettato domenica 24 giugno all’Auditorium DAMSLab Les Stuky, une fortune à Venise, il documentario dedicato agli “ultimi dogi di Venezia”. Ad introdurre l’opera Gian Luca Farinelli, i due registi Emiland Guillerme e François Rabaté e Lavinia Cavalletti, discendente della famiglia Stucky e autrice del libro La dinastia Stucky 1841 –  1941. Storia del Molino di Venezia e della famiglia, da Manin a Mussolini.

Leggi tutto
02/07/2017

Giovedì in Sala Auditorium il direttore della Cineteca Farinelli ha conversato con il produttore statunitense Michael Fitzgerald nell’ambito della lezione Il cinema secondo John Huston. Fitzgerald ha esordito nel mondo del cinema proprio con i film La saggezza nel sangue (1979) e Sotto il vulcano (1984), entrambi diretti dal regista hollywoodiano vincitore del premio Oscar per Il tesoro della Sierra Madre (1948).

Leggi tutto
01/07/2017

Ieri mattina all’Hotel Baglioni si è tenuto un incontro stampa con il super ospite di questa edizione del Cinema Ritrovato: il fotografo e documentarista Bruce Weber.

Per la trentunesima edizione del festival Weber ha presentato al Cinema Ritrovato Nice girls don’t stay for Breakfast – eccezionale documentario sulla vita di Robert Mitchum, l’attore preferito del regista. Mitchum è sempre stato anche il divo più amato dal jazzista Chet Baker, protagonista del secondo documentario di Weber Let’s Get Lost, che verrà proiettato domenica in Piazza Maggiore come grande evento di chiusura del festival.

Leggi tutto
30/06/2017

Il direttore del festival di Cannes e dell'Istituto Lumière di Lione, Thierry Frémaux, in un dialogo assieme a Gian Luca Farinelli, direttore della Cineteca di Bologna, ha espresso ancora una volta, durante la Lezione di Cinema Le cinéma et ses écrans tenutasi il 27 giugno all'interno del Festival del Cinema Ritrovato, la sua opinione riguardo la moltiplicazione degli schermi secondari alla sala e le priorità di distribuzione: “Il cinema è prima di tutto qualcosa che va visto al cinema”.

Leggi tutto
29/06/2016

È sempre una grande emozione vedere Gene Kelly, Donald O’ Connor e Debby Reynolds cantare e danzare sul grande schermo, ma Il Cinema Ritrovato l’ha amplificata permettendoci di assistere alla proiezione di una copia Technicolor del 1966 appartenente alla collezione privata di Martin Scorsese. Mai come in occasioni del genere si ha la chiara percezione che il colore non è un dettaglio trascurabile o un accessorio bensì un elemento fondamentale del film, uno strumento di espressione registica senza il quale le emozioni sarebbero trasmesse solo a metà.

Leggi tutto
25/06/2016

"C'era pure il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, oggi, per visitare la suggestiva mostra dedicata ai fratelli Lumière nel sottopasso di piazza Re Enzo, nel cuore di Bologna, e ha esaltato il progetto di rinascita del cinena Modernissimo (un vecchio cinema che sarà, appunto, ristrutturato), un 'luogo pazzesco, sembra di entrare in una fiaba sotto piazza Maggiore. Il progetto di recupero e restauro sarà d'esempio per altri luoghi del Paese'.

Leggi tutto