Ven

29/06

Cinema Arlecchino > 18:15

MISHIMA: A LIFE IN FOUR CHAPTERS

Paul Schrader

Introduce John Bailey (direttore della fotografia e Presidente dell’Academy of Motion Pictures)

Info sulla
Proiezione

Venerdì 29/06/2018
18:15

Sottotitoli

Versione originale con sottotitoli

Modalità di ingresso

Tariffe del Festival

MISHIMA: A LIFE IN FOUR CHAPTERS

Scheda Film

Interamente ambietato nell’ultima spettacolare giornata vissuta dal suo controverso soggetto, Mishima resta per molti aspetti un film unico. Il fratello di Paul Schrader, Leonard, aveva vissuto e insegnato in Giappone, e questo aveva sicuramente dato ai due la dose di sicurezza necessaria a elaborare un approccio audace che alterna estratti dall’opera di Mishima a episodi della sua giovinezza e ai fatti che condussero al suo suicidio in pubblico. Grande scrittore del dopoguerra considerato a lungo tra i papabili Nobel, Mishima era però anche un fanatico tradizionalista che aveva fondato una setta militare consacrata alla restaurazione dell’autorità imperiale. Inoltre, in questo contesto giapponese, era problematicamente bisessuale. Il film degli Schrader illustra episodi della giovinezza e della carriera di Mishima prima dei meticolosi preparativi per un tentativo di colpo di stato sostanzialmente simbolico, nel 1970, destinato a concludersi con un suicidio rituale, e li alterna a rese stilizzate di episodi tratti da tre dei suoi romanzi. Il materiale estremamente anticonvenzionale è reso accessibile al pubblico internazionale – mentre in Giappone la sua distribuzione è ostacolata da un’azione legale della famiglia di Mishima – anche grazie alle sgargianti e surreali invenzioni della costumista Eiko Ishioka, al contributo ricco e variegato del direttore della fotografia John Bailey, che spazia dal bianco e nero in stile documentario della cornice narrativa a tableaux onirici e cromaticamente saturi, e alle cadenze ritualistiche della musica per quartetto d’archi di Philip Glass, qui alla sua prima colonna sonora per un lungometraggio dopo Koyaanisqatsi. Ishioka, Bailey e Glass ricevettero un premio speciale a Cannes per il ‘migliore contributo artistico’, a conferma di ciò che Roger Ebert salutò come “un progetto glorioso, in questi tempi di pragmatismo commerciale e di volgare cinismo dell’industria cinematografica”, mentre i produttori esecutivi Francis Ford Coppola e George Lucas furono premiati con incassi prevedibilmente magri, forse compensati dalla consapevolezza di aver reso possibile un’opera originalissima.

Ian Christie

Cast and Credits

Sog.: dalle opere di Yukio Mishima. Scen.: Paul Schrader, Leonard Schrader, Chieko Schrader. F.: John Bailey. M.: Michael Chandler, Tomoyo Oshima. Scgf.: Eiko Ishioka, Kazuo Takenaka. Mus.: Philip Glass. Int.: Ken Ogata (Yukio Mishima), Masayuki Shionaya (Morita), Naoko Otani (la madre), Haruko Kato (la nonna), Yasosuke Bando (Mizoguchi), Hisako Manda (Mariko), Kenji Sawada (Osamu), Reisen Lee (Kiyomi). Toshiyuki Nagashima (Isao), Hiroshi Katsuno (tenente Hori), Roy Scheider (narratore). Prod.: Mata Yamamoto, Tom Luddy, Zoetrope Studios, Filmlink International, Lucasfilm, Janus Films. DCP. D.: 120’. Bn e Col.