Cinefilia Ritrovata, focus su Marlon Brando: ‘One-Eyed Jacks’ e ‘The Chase’

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

Pare che Brando scartò l’ipotesi iniziale di affidare la direzione di One-Eyed Jacks al giovane Stanley Kubrick a causa di forti divergenze di opinione, decidendo di cimentarsi nella sua unica prova registica. La versione restaurata della pellicola, presentata in maggio scorso sulla Croisette, è il frutto del recupero fortemente voluto da Steven Spielberg e Martin Scorsese, che ne hanno seguito lo sviluppo nei minimi dettagli collaborando con la casa di Produzione Paramount e The Film Foundation, così da garantire che il lungometraggio conservasse intatta l’impostazione registica di Marlon Brando (incluse prospettiva del quadro e gradazione cromatica).
Continua a leggere il pezzo di Francesca Divella.

Dopo il Marlon fuorilegge di One-Eyed Jacks, enorme nella proiezione di Sotto le Stelle del Cinema, è la volta del Marlon sceriffo di The Chase. Artur Penn costruisce, a partire dal testo di Horton Foote, un dramma ancora oggi di allarmante efficacia sul sottile confine tra società e barbarie. Charlie Reeves, detto Bubber, scappa di prigione e si trova coinvolto, suo malgrado, in un omicidio. La notizia della sua fuga si diffonde sino a Terrell, dove il suo nome è sulla bocca di tutti: nonostante lo sceriffo lo consideri innocente, l’evaso diventa rapidamente un vero e proprio mostro per i membri della upper class, determinati a trovarlo ed eliminarlo nel minor tempo possibile. La sfortuna porta Bubber in città, dando inizio ad una caccia all’uomo divisa tra chi vuole convincerlo a costituirsi e chi crede nell’efficacia di un giudizio sommario.
Continua a leggere il pezzo di Gregorio Zanacchi Nuti.